Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Mer09202017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

Come insegnare al cane a non abbaiare

cane-abbaio

A chiunque possieda un cane sarà capitato di provare imbarazzo nel caso in cui l’animale inizi ad abbaiare agli ospiti o ai suoi simili. Ricordiamo che vi sono diversi motivi per cui questo accade.

Il cane abbaia per diverse ragioni, alcune sono tollerabili, altre meno. Lo fa innanzitutto in caso di allarme: l’abbaio è indispensabile per attirare l'attenzione del proprio padrone su qualcosa di strano, su qualcuno che l’animale ritiene possa essere una minaccia. Un’altra ragione, molto frequente, è la paura: abbaiando il cane tenta di allontanate quel qualcosa che lo spaventa o non gli è gradito. Anche la richiesta di attenzioni rientra nei motivi per cui il cane abbaia, o la frustrazione: può capitare che egli si trovi in una situazione che gli crea disagio o confusione e il suo unico modo per comunicarlo è appunto abbaiare. Infine, alcuni cani spesso abbaiano per noia, per divertimento.

Nel caso in cui l’abbaio risulti un sintomo, sarà utile trattarne la causa, o può essere semplice comunicazione per cui sarà necessario osservare la situazione e farsi una idea delle motivazioni. In ogni caso, quando questo diventa insopportabile, é il caso di insegnargli altri modi per attirare la tua attenzione: può imparare ad esempio a porgere la zampa, ad aspettare sulla porta o davanti alla ciotola.

Se il cane abbaia solo per avere attenzione o perché vuole qualcosa di preciso di cui non ha diritto, sarà utile comportarsi in un determinato modo per fargli capire che non deve abbaiare per chiedere qualcosa. E’ importante quindi non parlare, non guardarlo negli occhi, non toccarlo, non favorirlo in nulla, ma piuttosto ignorarlo, restare indifferente al suo abbaio, non avvicinarsi a lui nemmeno dopo che ha smesso, ma richiamarlo solo dopo qualche minuto e fare in modo che sia lui a venire, eventualmente premiandolo.

Se, al contrario, abbaia per richiamare l’attenzione a causa di necessità impellente, si potrà guardarlo negli occhi, avvicinarsi a lui, accarezzarlo, concedergli ciò che chiede. Questo serve a favorire l’abbaio quando il cane ha effettivamente bisogno di qualcosa.

Si consiglia, per fare in modo che il cane la smetta di abbaiare, di zittirlo all'istante o distrarlo ogni volta che abbaia: lo si può fare servendosi di qualcosa di molto rumoroso, come può esserlo una lattina piena di monete. Una volta ottenuta la sua attenzione, si dovrà pronunciare il comando "silenzio" con molta fermezza e nessuna esitazione. Quando smette di abbaiare sarà il caso di ricompensalo.

E’ molto importante ricordare di non alzare mai la voce quando si desidera che egli smetta di abbaiare: questo atteggiamento non farebbe altro che causare ansia nell’animale, compromettendone l'apprendimento. Senza contare che il cane può confondersi e credere che anche il padrone stia abbaiando. E’ risaputo che urlare non fa altro che rinforzare l'abitudine di abbaiare.

Un’altra cosa da tenere a mente è che reprimere il cane usando le maniere forti, può indurre l’effetto contrario: l’animale tenderà ad abbaiare più forte di prima, in particolar modo se si ha a che fare con soggetti dominanti che non accettano di buon grado le costrizioni.