Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Dom10222017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

I copepodi

copepodi

La sottoclasse dei copepodi è una tra le più importanti dell'ampio e diversificato gruppo dei maxillopodi (composto da 12 ordini e circa 107 famiglie). I copepodi abbondano ovunque negli oceani; costituiscono un’enorme massa che supera i miliardi di tonnellate di peso e rappresenta la maggior fonte di cibo per i pesci. Si scorgono anche in acqua dolce, in habitat molto diversi fra loro, che vanno dai laghi di montagna alle sorgenti calde.

Questi aminali sono solitamente lunghi meno di 5 millimetri, ma alcune specie parassitarie possono raggiungere anche i 10 centimetri di lunghezza. I copepodi sono divisi in dieci ordini e sono note circa 13.000 specie. 2.800 di queste vivono in acque dolci. I copepodi hanno un corpo a forma di goccia e grandi antenne. Anche se, come gli altri crostacei, hanno un blindato esoscheletro, sono così piccoli che, nella maggior parte degli esemplari, questa sottile corazza e tutto il corpo sono quasi del tutto trasparenti. La maggior parte dei copepodi ha un unico occhio composto, di solito rosso brillante, al centro della testa trasparente; specie sotterranee possono non essere dotate di occhi. Come altri crostacei, i copepodi possiedono due paia di antenne.

I copepodi, in genere, hanno un corpo corto e cilindrico, con una testa arrotondata o un becco. La testa è fusa con il primo o i primi due segmenti toracici, mentre il resto del torace ha da tre a cinque segmenti, ciascuno con arti. Il primo paio di appendici toraciche viene usato per l’alimentazione, mentre le altre paia servono per il nuoto. L'addome è tipicamente più stretto del torace. A causa delle loro piccole dimensioni, i copepodi non hanno bisogno di alcun cuore o di un sistema circolatorio (i membri dell'ordine Calanoida hanno un cuore ma non dei vasi sanguigni), e, alla maggior parte, mancano anche le  branchie. Questi animali sono capaci di assorbire l’ossigeno direttamente attraverso il corpo e il loro sistema escretore è costituito da ghiandole mascellari.

La diversità nella dieta è importante, in quanto fornisce molte strade attraverso le quali questi animali possono ottenere i nutrienti necessari al loro sostentamento. Le diete che sono nutrizionalmente complete arricchiscono le possibilità di successo tra i singoli copepodi e per l'intera popolazione delle specie. Questi esemplari sono sensibili ad alcuni metalli, come l’argento, lo zinco, il rame e il nichel. L'aggiunta di questi nella loro dieta porta a una riduzione dell'alimentazione e dei tassi di riproduzione. Questi crostacei tendono generalmente ad alimentarsi con alghe presenti nel loro habitat naturale e la sopravvivenza e il successo della popolazione nel corso degli anni possono essere dovute, in parte, alla loro capacità di selezionare il cibo, evitando elementi contaminati e letali per loro. 

Durante l'accoppiamento, i copepodi maschi afferrano la femmina con il loro primo paio di antenne, che a volte risulta adattato a questo scopo. Il maschio produce poi una bolla adesiva di sperma, che inserisce nell’apertura genitale della femmina con i suoi arti toracici. Le uova sono generalmente deposte direttamente in acqua, ma molte specie le racchiudono all'interno di una sacca attaccata al corpo della femmina fino alla schiusa. In alcune specie che dimorano negli stagni, le uova hanno un guscio duro e possono restare chiuse per lunghi periodi se lo stagno va in secca.