Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Sab11182017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

Il bonobo

Bonobo

Il bonobo, nome scientifico pan paniscus, è un primate appartenente alla famiglia Hominidae: un’analisi del DNA ha evidenziato che quest’animale è il parente più prossimo all’uomo.

Il bonobo raggiunge una lunghezza che varia dai 70 agli 80 cm e fino al 1,3 m in posizione eretta, per un peso di 30-35 kg per la femmina e di 40-50 kg per il maschio. Il corpo è ricoperto di un lungo pelo nero, eccetto che sulle guance; le braccia sono lunghe e robuste, cosa che gli permette di penzolare agilmente sugli alberi. La testa è piccola se paragonata agli scimpanzé, la bocca è caratterizzata da labbra mobili e i canini sono lunghi e ben appuntiti. I maschi tendono a essere più grandi e robusti delle femmine.

Il bonobo comunica mediante la vocalizzazione, emettendo suoni che indicano vari stati d'animo come l’aggressività, l’eccitazione o la soddisfazione, ma anche con il tatto e con lo sguardo.

Distribuzione e Habitat

Il bonobo è particolarmente diffuso in alcune zone della Repubblica democratica del Congo, più precisamente in un territorio delimitato dal fiume Congo, dal fiume Lualaba e dal fiume Kasai; è stato inoltre introdotto sulle sponde del lago Tanganica.

La popolazione del bonobo abita la foresta pluviale tropicale, ma si ritrova facilmente anche nelle foreste palustri, nei pressi di fiumi e di laghi e nelle aree meno fitte di vegetazione; predilige un clima stabile caldo-umido.

Abitudini e Alimentazione

Il bonobo, solitamente, vive in gruppi formati da 3 o 6 individui, ma non è raro che raggiungano anche i 15 elementi; ogni gruppo occupa un territorio: in genere, le femmine tendono a spostarsi da un gruppo all’altro mentre i maschi vi restano per tutta la vita.

Nella vita di un bonono il sesso è un aspetto particolarmente importante, utilizzato per rinsaldare vincoli o alleviare tensioni. Si accoppiano durante tutto l’anno, senza discriminazione di sesso: l’unico limite sembra sia tra madre e figlio. Alcuni studiosi ritengono che questi primati siano capaci di altruismo, compassione, empatia, e sensibilità.

Questo primate si nutre prevalentemente di frutta, di semi, di foglie, di radici, di fiori, di corteccia e qualche volta anche di funghi; la sua dieta non è tuttavia solo di origine vegetale: mangia miele, uova di uccelli, insetti. Non va a caccia di prede, come ad esempio fa lo scimpanzé, e solo raramente uccide piccoli mammiferi; è in grado di pescare, entrando in acqua e catturando pesci.

Riproduzione

Nonostante il bonobo sia un animale molto promiscuo, la femmina diviene selettiva nello scegliere il padre della propria prole, sebbene non sia chiaro cosa la spinge a prediligere un compagno piuttosto che un altro. La gestazione dura circa 8 mesi, in seguito alla quale nasce un solo cucciolo del peso di 1 o 2 kg che viene allattato per 3 o 4 anni: la madre ritornerà fertile solo quando il piccolo sarà stato svezzato, pur continuando ad avere normali rapporti sessuali.

Il maschio non è particolarmente partecipe alla crescita dei figli, limitandosi a condividere cibo e a proteggere i giovani in caso di pericolo. Il bonobo raggiunge l’età adulta intorno ai 9-12 anni.