Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Ven09222017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

Il cane procione

CaneProcione

Il cane procione, nome scientifico nyctereutes procyonoides, appartiene alla famiglia dei Canidae ed è l'unico appartenente al genere nyctereutes. E' spesso confuso con i procioni e i tassi.

Il cane procione è simile ad una volpe: raggiunge una lunghezza che va dai 50 agli 85 cm, per un peso che oscilla tra i 4,2 ai 9,2 kg per i maschi e tra i 3,5 e gli 8,7 per le femmine. Il muso è appuntito, gli occhi sono piccoli e arrotondati, la maschera facciale è scura e il naso è nero. Il pelo è lungo e folto: il colore va dal grigio, al bruno, al nerastro; le zampe sono corte e la coda, lunga dai 15 ai 31 cm, è folta.Pare che il cervello del cane procione sia poco sviluppato rispetto a quello di cani o dei lupi, e che abbia denti piccoli e testicoli stranamente grandi.
Vi sono sei sottospecie riconosciute: il nyctereutes procyonoides albus o cane procione bianco, il nyctereutes procyonoides koreensis o cane procione coreano, il nyctereutes procyonoides orestes o cane procione Yunnan, il nyctereutes procyonoides ussuriensis o cane procione siberiano, il nyctereutes procyonoides procyonoides o cane procione cinese, e infine il nyctereutes procyonoides viverrinus o cane procione giapponese.
La popolazione dei cani procione è diminuita negli ultimi anni a causa di molteplici fattori:
caccia, urbanizzazione, malattie; in Cina, inoltre, sono cacciati per la pelliccia.


Diffusione e Habitat

Il cane procione è originario del Giappone, della Siberia sudorientale e della Manciuria ma col tempo si è diffuso fino in Scandinavia e Francia; alcuni esemplari sono stati avvistati anche in Italia.
Abita sia le zone di pianura sia di montagna, preferendo di gran lunga le foreste, i boschi di latifoglie e il sottobosco. Non è raro che si avvicini a piccoli vialaggi e aree rurali.

Abitudini e Alimentazione

Il cane procione ha abitudini perlopiù crepuscolari e notturne; è un animale solitario e raramente vive in coppia o in gruppo. Di indole timida e poco aggressiva, preferisce nascondersi piuttosto che affrontare un possibile rivale o fingersi morto se attaccato. Il maschio dominante, in genere, arriccia la coda formando una U rovesciata.
Si tratta dell'unico membro della famiglia dei canidi ad andare in letargo nei mesi invernali.

E' onnivero e la sua dieta è molto variegata: si ciba di invertebrati, rane, lucertole, roditori e uccelli, ma anche di semi e bacche; gli esemplari che vivono nei pressi del mare, mangiano anche granchi e qualche pesce. Andando in letargo, in autunno hanno bisogno di mangiare di più per costruire lo stato di grasso necessario.

Riproduzione

Si tratta di animali monogami: la stagione degli amori coincide con la fine del letargo. La femmina resta in calore per circa sei giorni e i due, durante l'accoppiamento, restano legati mediante l'osso penico per sei minuti. La gestazione dura 60 giorni, al termine dei quali nascono in media 5 cuccioli; il maschio partecipa all'allevamento dei figli e procura il cibo sia alla compagna che ai piccoli, una volta svezzati. All'età di un anno sono sessualmente maturi e vivono dai 3 ai 4 anni in natura e circa 11 anni in cattività.