Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Dom10222017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

Il daino

Daino

Il daino, nome scientifico dama dama, è un ungulato facente parte della famiglia dei Cervidae.

Il daino raggiunge il 1,30-1,75 di lunghezza, per un peso che oscilla tra i 30 e i 50 kg per le femmine e tra i 45 e gli 80 kg per i maschi, questi ultimi notevolmente più grandi delle prime e provvisti di corna. La testa è piccola e sottile, gli occhi sono grandi e dalla forma ovale; le corna sono lunghe 50-80 cm, le cui dimensioni dipendono dall’età: cadono fra la fine di marzo e l'inizio di giugno, per essere velocemente sostituite da un nuovo paio più grosso e forte. Le zampe anteriori sono lievemente più corte di quelle posteriori, cosa che non gli impedisce di saltare molto in alto.

Il colore del mantello varia in base alle stagioni: in estate è bruno-rossiccio nelle parti superiori e nei fianchi, ed è presente una striscia nera che va dal collo alla coda nella parte centrale del dorso dove vi sono numerose macchie bianche; in inverno è più scuro e più folto e la maculatura è meno evidente. Non sono rari esemplari neri o albini.

Il daino possiede un udito, un olfatto e una vista molto buoni; tra loro comunicano mediante il linguaggio del corpo e con vocalizzazioni: gli studiosi ne hanno individuati sei tipi, diversi suoni secondo le situazioni e gli stati d’animo.

Distribuzione e Habitat

Il daino è originario della Turchia, ma è diffuso in molti altri paesi quali il Sud Africa, l'Australia, la Nuova Zelanda, gli Stati Uniti, l'Argentina, il Cile, il Perù, l'Uruguay, le Isole Fiji, le Piccole Antille e il Canada.

E’ una specie in grado di adattarsi facilmente a diversi tipi di habitat: dalle grandi foreste ai pascoli e con climi che oscillano dal freddo-umido al caldo-asciutto.

Abitudini e Alimentazione

Il daino vive in gruppi vari, formati solo da maschi, solo da femmine o da entrambi: il branco più comune, tuttavia, è caratterizzato dalla presenza di una femmina adulta e del suo piccolo, più un’altra femmina e un giovane maschio. E’ una specie abbastanza schiva, attiva soprattutto la notte.

La dieta del daino varia secondo le disponibilità stagionali: durante la primavera si ciba principalmente di germogli, foglie, erba, bacche e frutti mentre in inverno, quando il cibo scarseggia, si nutre di corteccia e ciò che riesce a trovare. E’ un ruminante: ingerisce il cibo non del tutto masticato, per poi riportarlo in bocca e triturarlo più a fondo.

Riproduzione

Il maschio durante la stagione degli amori, delimita un proprio territorio con l’urina ed emette gemiti e grugniti, attirando la femmina; se un altro maschio osa avvicinarsi, i due finiscono col lottare.

La gravidanza dura circa 8 mesi, in seguito alla quale nasce, in genere, un solo cucciolo dai 2-4 kg, già in grado di camminare dopo un solo giorno di vita. La madre partorisce in un luogo appartato, lontano dal branco e vi resta per circa un mese; in seguito madre e figlio si ricongiungono al gruppo. Il daino raggiunge l’indipendenza intorno ai 12 mesi di vita.