Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Gio06222017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

Il fringuello

fringuello

Il fringuello, conosciuto dagli esperti col nome di fringilla coelebs, è un passeriforme appartenente alla famiglia delle Fringillidae.

La lunghezza del corpo va dai 14 ai 26 cm circa, ha un’apertura alare di 28 cm e un peso di circa 20 grammi: sulle spalle e sull’ala, vi sono delle strisce bianche, presenti sia nel maschio sia nella femmina. Il dimorfismo sessuale sta nel differente piumaggio: il maschio mostra colori molti più vivaci, ha il petto rosso scuro, il capo blu, la fronte nera e il groppone tendente al verde; la femmina, invece, possiede un dorso grigiastro, la testa chiara e il petto giallastro.

Il volo è ondulante, così come per gli altri esemplari della famiglia. Il canto del fringuello è costituito da tre frasi distinte, ripetute in veloce successione e terminanti con un vigoroso trillo: si tratta di un energico susseguirsi di una dozzina di note. Il suo canto è ben riconoscibile, eppure nelle diverse sub-popolazioni, esistono varianti dialettali.

Si tratta di una specie gregaria, eccetto che nel periodo riproduttivo, terragnolo e monogamo. Durante la stagione invernale, tende a formare gruppi di dimensione variabile, mescolati ad altre specie della stessa famiglia, soprattutto peppole, verdoni e lucherini.

Diffusione e Habitat

Il fringuello è diffuso in tutta l'Europa, nell'Africa settentrionale, nell'Asia minore, in Persia e nel Turkestan: quelli che risiedono nelle zone meridionali, in genere sono stazionari, mentre quelli che si trovano a settentrione, tendono a trasferirsi verso luoghi con climi più miti, durante la stagione autunnale.

Nel nostro paese, risiede durante tutto l’arco dell’anno: in inverno, vi sono anche esemplari provenienti dal nord, che poi fanno ritorno regolarmente ai loro luoghi di origine, con l'inizio della primavera. 

Come habitat, il fringuello sceglie soprattutto boschi di conifere aperti e soleggiati, ma anche i frutteti, i campi coltivati, gli orti e giardini sia in pianura sia in montagna. Non è raro, tuttavia, che l’uccello raggiunga anche le periferie delle città dove vi è maggiore probabilità di trovare cibo.

Alimentazione e Riproduzione

Il fringuello è un uccello perlopiù granivoro: si ciba di semi, di erbe e preferisce i semi oleosi o ancora teneri e la polpa di alcuni frutti. Tuttavia, si nutre anche d’invertebrati, e non disdegna gli insetti, soprattutto durante il periodo riproduttivo.

A dispetto della loro indole allegra, durante la stagione degli amori, i fringuelli tendono a divenire piuttosto litigiosi: smettono di cantare per rincorrersi e acciuffarsi. Il maschio, inoltre, circoscrive il territorio di riproduzione diffondendo il suo caratteristico canto, che viene ripetuto per tutta la giornata.

Il maschio sceglie il nido, ma è la femmina che ha il compito di costruirlo: esso ha la forma di una coppa, ed è intrecciato con muschi, piume, fili d’erba, e ricoperto di licheni. In genere, si colloca sulle biforcazioni dei rami ad altezze mediamente alte. Al suo interno, vengono deposte dalla e quattro alle cinque uova verdastre con macchie di colore viola, chiazze brunastre e punti e filamenti porpora. La nascita dei piccoli avviene dopo circa quattordici giorni di cova: essi lasciano il nido al ventesimo giorno di vita.