Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Dom10222017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

Il gatto della giungla

GattoDellaGiungla

Il Felis chaus, comunemente conosciuto col nome di gatto della giungla, è un mammifero appartenente alla famiglia felidae che hanno una distribuzione ampia che si estende dall’Egitto, a Israele, alla Giordania, al nord dell’Arabia Saudita, alla Siria, all’Iraq, all’Iran, fino alle rive del Mar Caspio e del delta del fiume Volga, fin verso est attraverso il Turkmenistan, l’Uzbekistan, il Tagikistan, il Kazakistan e ad occidentale fin allo Xingjian, all’Afghanistan, al Pakistan, al Nepal, all’India, allo Sri Lanka, al Myanmar, al Laos, alla Thailandia, alla Cambogia, al Vietnam e alla Cina sud-occidentale.

I gatti della giungla preferiscono habitat in prossimità dell’acqua con una fitta copertura vegetale, ma possono essere incontrati in diversi ambienti, anche nei deserti, nelle praterie, nei boschi e nelle foreste. Questi mammiferi, comunemente, si stanziano tra l’erba alta, in prossimità di paludi e nei canneti. Nonostante siano una specie più comune in pianura, arrivano a popolare anche altitudini fino ai 2.500 metri sul livello del mare.

I gatti della giungla raggiungono una lunghezza variabile tra i 70 e i 120 centimetri, con un’altezza di circa 35 centimetri e un peso tra i 4 e i 16 chilogrammi. Gli esemplari di sesso maschile sono più grandi e massicci rispetto alle femmine.

Questi animali posseggono facce sottili e lunghe, occhi gialli brillanti. Vicino al naso sono presenti delle macchie scure sotto ogni occhio che risaltano sul muso dalla pelliccia chiara. Le orecchie sono lunghe e arrotondate ricoperte di pelo fino alle punte. La loro coda è lunga circa un terzo della lunghezza compressiva dell’animale è possiede anelli di pelliccia scuri fino alla punta.

Il colore della pelliccia di questi mammiferi varia dal rossastro, al marrone sabbia, al fulvo grigio. Possono essere anche di colore completamente nero e i cuccioli possono avere delle strisce o risultare macchiati (tali caratterizzazioni svaniscono con la crescita). Il muso, la gola e il ventre di questo felide è color crema e il pelo invernale è più scuro e denso rispetto a quello estivo.

Questi felidi sono per lo più solitari, eccezion fatta per la stagione degli amori. Sono attivi durante la notte ma non sono strettamente notturni. Sono spesso avvistati al crepuscolo e possono spostarsi anche di 5 o 6 chilometri durante la notte. Nelle fredde giornate possono essere osservati mentre prendono il sole, ma solitamente durante il giorno si riparano nella boscaglia in zone d’ombra. A differenza di molte specie di felidi, questi gatti sono abili nuotatori e gradiscono l’acqua, sono anche in grado di tuffarsi per pescare il pesce con la bocca.  

I gatti della giungla mangiano comunemente roditori, lucertole, serpenti, rane, uccelli, lepri, pesci, insetti, animali al di sotto di un chilogrammo di peso e anche la frutta, durante l'inverno. Anche se sono specializzati per la caccia a piccole prede, i gatti della giungla sono in grado di uccidere anche cinghiali e cerbiatti.

Questi mammiferi si riproducono per due volte l’anno e ad ogni parto nascono da 3 a 6 cuccioli. La gestazione dura circa 65 giorni e i piccoli pesano circa 140 grammi alla nascita e aumentano di peso a un ritmo di 20 grammi al giorno. I piccoli hanno necessità di cure fino ai 3 mesi ma iniziano a mangiare cibo solido entro i primi 50 giorni. I maschi non investono molto nella cura dei cuccioli ma proteggono il territorio mentre la femmina li alleva. I cuccioli di gatto della giungla vengono svezzati completamente entro le 15 settimane e diventano indipendenti entro i 9 mesi raggiungendo la maturità sessuale tra gli 11 e i 18 mesi.  

Questi animali vivono, in media, 15 anni ma alcuni esemplari arrivano anche a 20 anni.