Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Dom10222017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

Il gatto di Iriomote

GattoDiIriomote

Il gatto di Iriomote, nome scientifico prionailurus iriomotensis, è un gatto selvatico delle dimensioni di un gatto domestico, appartenente alla famiglia Felidae. Si tratta di una delle specie più a rischio: la sua popolazione è inferiore ai 100 esemplari.

Gli esemplari maschi raggiungono una lunghezza che varia tra i 53 e i 56 cm, mentre le femmine arrivano ai 48 cm per un peso che oscilla tra i 3 e i 7 kg; eccetto che per le dimensioni, i due sessi sono simili tra loro. La pelliccia è di colore marrone scuro, con macchie grigie poste longitudinalmente: sono presenti cinque o sette strisce lungo il collo e due linee bianche dall'angolo dell'occhio fino alle guance. La coda, particolarmente folta, è picchiettata alla base e anellata verso l'estremità. Il corpo è snello e allungato, le zampe corte; il gatto di Iriomote non è in grado di retrarre gli artigli. In passato, fu considerato una sottospecie del gatto leopardo.

La specie è fortemente minacciata dalla distruzione dell'habitat, della persecuzione e della caccia eccessiva, nonostante sia stato dichiarata tesoro nazionale giapponese. Un altro grave pericolo per questo animale deriva dall'unica strada che percorre l'isola: molti esemplari, difatti, finiscono travolti dalle auto.

Distribuzione e Habitat

Questo felide è diffuso nell'isola di Iriomote, da cui il nome, situata all'estremità meridionale dell'arcipelago giapponese delle Ryukyu. L'animale popola l'intera isola, abitando anche le spiagge e i terreni coltivati, evitando però le zone eccessivamente popolate e prediligendo le fitte foreste poco accessibili.

Abitudini e Alimentazione

Il gatto di Iriomote è un felide perlopiù solitario: i territorio occupati dai maschi variano tra i 2,1 e i 4,7 km², mentre quelli delle femmine si estendono dagli 0,95 agli 1,55. L'animale caccia sia di giorno che di notte, appostandosi sugli alberi o direttamente sul terreno: si avvicina piano alla preda, prima di assalirla ed ucciderla; è in grado di nuotare, per cui non è raro che attraversi fiumi per pescare pesci e granchi.

Si ciba sia di piccoli mammiferi che di uccelli o rettili, questi ultimi soprattutto durante la stagione estiva; preda anche insetti, in particolare coleotteri. La sua dieta è costituita da pipistrelli, ratti neri, maiali selvatici, nitticore, quaglie, ralli, piccioni, colombe, rane, assioli, martin pescatori, pettirossi, tordi, corvi e tartarughe.

Riproduzione

Per prepararsi al periodo degli accoppiamenti, il gatto di Iriomote trascorre gran parte del giorno a marcare il territorio con l'urina, e spesso i maschi lottano tra loro. E' in inverno che gli esemplari vengono avvistati in coppia ed è il periodo in cui si odono i loro richiami: miagolii e ringhi; l'accoppiamento vero e proprio avviene tra febbraio e marzo e tra settembre e ottobre.

La gestazione dura circa 60 giorni, periodo di tempo che la femmina trascorre in una tana tra le cavità delle rocce o in un albero caduto. In genere, vengono alla luce dai due ai quattro gattini che crescono molto più rapidamente dei gatti domestici, tanto che sono in grado di badare a sé stessi già all'età di tre mesi.