Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Dom10222017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

Il gatto leopardo

gatto leopardo

Il gatto leopardo, nome scientifico prionailurus bengalensis, è un felino selvatico appartenente alla famiglia delle Felidae: il nome deriva dalle macchie presenti sul corpo, simili a quelle del leopardo.

Il gatto leopardo è di piccole dimensioni, grande quanto un gatto domestico, anche se vi sono alcune differenze in base alla regione di origine: ad esempio, in Indonesia la lunghezza del corpo è di 45 cm e quella della coda di 20 cm, mentre è rispettivamente di 60 e 40 cm nelle regioni meridionali dell'Amur. Al garrese è alto 41 cm per un peso che oscilla tra i 4, 5 e i 6, 8 kg.

Anche il colore del mantello è variabile: è di colore giallo nelle sottospecie meridionali, grigio argenteo in quelle settentrionali; di colore bianco sono il petto e le zone inferiori della testa. Il corpo è ricoperto di macchie nere, tonde o a forma di rosetta a seconda della specie. Sono presenti 11 sottospecie.

A Hong Kong, il gatto leopardo è una specie protetta dall'Ordinanza per la Protezione degli Animali Selvatici nº 170. Per allevare un gatto leopardo è necessaria una particolare licenza. Questo felino viene spesso fatto accoppiare col gatto domestico, così da generare quelli che sono noti come gatti de Bengala, i quali per essere allevati devono essere distanti dal gatto leopardo per almeno 4 generazioni.

Diffusione e Habitat

Il gatto leopardo è diffuso nelle regioni dell’Indonesia, Filippine, Borneo, Malaysia, Singapore, Thailandia, Myanmar, Laos, Cambogia, Cina e Taiwan, oltre che in Corea, Bangladesh, India e Pakistan.

Abita le foreste tropicali, le boscaglie, le foreste di pini, le foreste secondarie, le zone semi-desertiche e quelle agricole; è possibile avvistarlo soprattutto nei pressi di fonti d'acqua e qualche volta si spinge fino ad altitudini di 3000 m.

Abitudini e Alimentazione

Questo piccolo felide ha abitudini notturne, preferendo trascorrere le giornate nelle cavità sotto le radici degli alberi e nelle caverne, luoghi che utilizza come rifugi. Si tratta di un animale solitario, eccetto che durante la stagione della riproduzione. E’ un ottimo arrampicatore e persino un buon nuotatore, pur se lascia raramente la terraferma.

Il gatto leopardo è un animale carnivoro: si nutre di mammiferi, lucertole, anfibi, uccelli e insetti e qualche volta anche di anche lepri; la sua alimentazione è arricchita con erba, uova, pollame e animali acquatici.

Riproduzione

La stagione degli amori coincide, nelle regioni settentrionali, con i mesi di marzo e aprile, mentre per la popolazione meridionale non ha un periodo fisso. In genere, il gatto leopardo trascorre tutta la vita con la compagna scelta.

La gestazione dura circa 9 o 10 settimane, al termine delle quali nascono dai 2 ai 4 piccoli, i quali restano all’interno della propria tana per almeno un mese, al sicuro da temibili predatori. Entrambi i genitori si occupano della prole per ameno 10 mesi. Alla nascita, i cuccioli pesano circa 75 o 130 grammi, aprono gli occhi dopo 10 giorni e al ventitreesimo giorno sono già in grado di mangiare cibo solido. Raggiungono la maturità sessuale intorno ai 18 mesi.