Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Dom11192017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

Il gatto siberiano

gattoSiberiano

Il gatto siberiano discende, probabilmente, da incroci tra gatti selvatici dei monti Urali e i gatti domestici che i primi coloni avevano portato in Siberia.

Si tratta di un gatto dalla robusta muscolatura, di grandi dimensioni: il maschio arriva a pesare intorno ai 10 kg, la femmina circa 7 kg. Visto il suo luogo di origine, ha un pelo spesso e idrorepellente così da proteggersi dall’acqua e dall’umidità; il mantello è fitto, lungo o semi-lungo: sul dorso è più spesso, ai lati del corpo invece è più morbido e soffice. La testa e il muso hanno una forma arrotondata, il collo è corto e le orecchie sono larghe alla base e distanziate tra loro, all’interno delle quali vi è molto pelo; gli occhi del gatto siberiano sono grandi e lievemente ovali, lontani l’uno dall’altro, di colore verde o ambrato. Le zampe sono massicce e quelle posteriori sono appena più lunghe di quelle anteriori, la coda è larga e robusta alla base e più affusolata e arrotondata verso la punta.

Il gatto siberiano è particolarmente affettuoso e instaura un forte legame col proprio padrone, è ideale come compagno di gioco per i bambini e non è ostile nei confronti di altri animali domestici, a patto che non si parli di piccoli roditori o uccelli che possono risvegliare il suo istinto da cacciatore. Ama la tranquilla vita domestica, ma non disdegna quella all’aperto: non teme il freddo grazie al suo folto pelo.

Cure

Il mantello, essendo spesso e resistente, non ha bisogno di particolari cure: il pelo è avvolto in una pellicola oleosa che lo protegge, pur non rendendolo oleoso, e fa sì che non si annodi. Durante il periodo della muta estiva, è comunque necessario spazzolarlo tutti i giorni, servendosi di un pettine antistatico a denti larghi; durante tutto il resto dell'anno, invece, basterà spazzolarlo una volta la settimana. D'estate va incontro a una muta spettacolare: sembra un gatto a pelo corto. Pur non avendo bisogno di fare il bagno, nel caso in cui fosse necessario lavarlo, è importante utilizzare prodotti non aggressivi e infine asciugarlo per bene.

Alimentazione

E’ possibile dargli da mangiare sia cibo fresco, quindi carne cruda e pesce bollito, sia cibo confezionato a patto sia di ottima qualità. La dose ideale è di circa 200 g; è meglio evitare alimenti troppo conditi o dolciumi che creano seri alla salute dell’animale domestico. Naturalmente, durante i primi anni di vita, è opportuno che gli alimenti abbiano una buona dose di proteine, così da favorire la crescita, e in seguito si può pensare a somministrare anche calcio mediante uova e formaggi. E’ fondamentale lasciare sempre una ciotola con dell’acqua fresca.

Riproduzione

Il gatto siberiano raggiunge la maturità intorno ai 5 anni, a 12 mesi è possibile far accoppiare la femmina: la gestazione dura circa 2 mesi, in seguito alla quale  nascono 3 o 4 cuccioli che aprono gli occhi dal 5° al 12° giorno di vita e si nutrono del latte materno per circa 4 settimane per poi essere svezzati con alimenti specifici verso il primo mese.