Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Sab09232017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

Il gheppio comune

gheppio

Il gheppio comune, nome scientifico falco tinnunculus, è un rapace appartenente alla famiglia Falconidae.

Le dimensioni del gheppio comune variano a seconda del sesso e della sottospecie: il maschio pesa intorno ai 200 grammi, la femmina circa 20 grammi in più; gli esemplari presenti in Europa hanno un’apertura alare di 74 cm per i maschi, 78 per le femmine. Il becco è corto e adunco, grigio-brunastro con cera giallastra; le zampe sono gialle con unghie scure, uncinate.

Il dimorfismo sessuale è evidente soprattutto nei colori: il maschio ha la testa grigia e le ali rossastre, con macchie scure, mentre la femmina è completamente di colore rosso; la coda è anch’essa grigia, con una riga nera e una bordatura bianca; la parte inferiore è di color crema chiaro con strisce o macchie marroncine e il ventre è bianco. L’anello attorno agli occhi è giallo negli esemplari adulti, dall’azzurro al giallastro negli uccelli giovani.

Il gheppio è dotato di 15 vertebre nel collo che gli consentono di girare il capo di 180° e di osservare una preda fino a 220 gradi senza doversi muovere. Il suo volo è molto particolare: sbatte le ali ripetutamente a differenza degli altri rapaci e, si esibisce nel cosiddetto volo a spirito santo in cui resta fermo in aria. Mentre sono in volo con la testa eretta e la coda aperta a ventaglio lievemente piegata verso il basso, possono ruotare su un fianco per raggiungere nuove posizioni o si posano al suolo per poi riprendere il volo verso un nuovo posto di osservazione.

Diffusione e Alimentazione

Il Gheppio comune è diffuso in Eurasia e Africa e anche in Italia è molto comune: spesso nidifica nel centro delle città; è possibile avvistarlo su tutta l'area alpina dal piano fino a 2300 metri di quota.

Vive e nidifica nelle zone boschive, dove volteggia sui rami e sui cespugli; caccia in aperta campagna. Si nutre di topi e altri roditori, di piccoli uccelli, insetti e lombrichi; predilige i coleotteri, le falene e le cavallette. Non è raro che si nutra di carogne, o che rubi il cibo gli altri rapaci. La quantità di cibo ingerito varia a seconda della stagione e della disponibilità del luogo.

Riproduzione

La stagione degli amori ha inizio verso la fine del mese di marzo: il maschio corteggia la femmina, volteggiandole intorno ed eseguendo tre o quattro battiti d'ali, seguiti da una planata e ripetuti come se fosse un rituale. Quando si avvicina alla femmina, non le si accosta mai del tutto ma continua a girarle intorno, per poi interrompere la sua discesa e rialzarsi in volo bruscamente e riprendere a svolazzare.

Il gheppio comune si serve di nidi appartenenti ad altri uccelli: la femmina depone dalle 4 alle 6 uova di colore bianco, con macchie rosso scuro, covandole mentre il maschio si occupa del cibo. Dopo circa un mese, avviene la schiusa: i piccoli vengono imboccati dalla madre e sono in grado di volare dopo circa 4 settimane, pur continuando ad essere nutriti dai genitori.