Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Sab11182017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

Il kiwi australe

Kiwi Australe

L’Apteryx Australis, comunemente detto Kiwi bruno, kiwi australe o Tokoeka, è un uccello appartenente alla famiglia Apterygidae che popola la regione geografica dell’Australia. È una specie endemica della Nuova Zelanda che vive anche nelle isole a nord, sulle isole a sud e sull’isola Stewart.

Kiwi bruni vivono nelle foreste e nelle praterie subtropicali e temperate. Preferiscono le grandi aree forestali e fitte che permettono loro di camuffarsi durante il giorno mentre dormono. In un habitat indisturbato i kiwi bruni creano delle tane sotto pietre, sulle rive dei torrenti o su terreni morbidi e pianeggianti. Nelle zone più caotiche questi uccelli hanno dovuto adattarsi alla presenza umana attraverso la creazione di tane in prossimità di terreni agricoli grezzi o sotto tronchi e arbusti.

I kiwi fanno parte dell'ordine Struthioniformes e sono gli unici con così piccole dimensioni e tanto adattati alla vita a terra nella foresta. Questi uccelli sono più piccoli di una gallina e le femmine risultano leggermente più grandi dei maschi. Variano dai 45 ai 54 centimetri per un peso di 2,8-3,5 chilogrammi. Il colorito caratteristico dei Kiwi bruni è il grigio-marrone con morbide piume che sembrano vera pelliccia.

La loro pelle è dura e posseggono quelli che sembrano dei veri e propri baffi che hanno funzioni tattili. Questa funzione è molto utile per questi kiwi poiché, avendo occhi piccoli, non posseggono una vista molto acuta e sviluppata.

Questi uccelli non posseggono la coda e avendo ali lunghe solo 5 centimetri non sono in grado di volare; in compenso hanno zampe potenti e possono muoversi rapidamente a terra. I kiwi hanno un acuto senso dell’olfatto e raccolgono il cibo a terra battendolo sul terreno prima di consumarlo. Sono uccelli carnivori e si nutrono principalmente di invertebrati come vermi, insetti, gamberi, anfibi e anguille, non disdegnando la frutta. Di notte, questi uccelli usano i lunghi becchi per scavare in profondità nel terreno per trovare nutrimento. Dopo aver preso qualcosa, usano il becco per battere la creatura a terra o su pietre per ucciderla prima di mangiarla.

Caratteristiche particolari di questo uccello sono il midollo osseo pesante, la temperatura corporea più bassa rispetto alla maggior parte degli uccelli e un apparato muscolare pettorale sottosviluppato.

I kiwi bruni sono definiti come “mammiferi ad honorem” in quando posseggono caratteristiche simili ad alcuni mammiferi. Sono notturni, fano affidamento sull’olfatto, sembrano avere la pelliccia. Sono animali timidi e solitari ma quando si devono spostare si raggruppano in 6/12 esemplari.

Essere animali notturni è una cosa molto funzionale in quanto riescono ad essere protetti dai predatori alle tenebre e trovano cibo più facilmente. Nonostante siano in grado di attaccare se minacciati, questi uccelli tendono maggiormente alla fuga e durante il giorno dormono nelle loro tane.

I Kiwi marroni comunicano attraverso un richiamo che sembra un fischio prolungato e leggermente ascendente e discendente. I maschi effettuano un fischio lamentoso e le femmine un richiamo più basso e rauco mentre i pulcini emettono una specie di ticchettio. Il richiamo indica la loro presenza durante la notte e aiuta nella ricerca di un compagno.

I kiwi bruni si incontrano in tane di nidificazione ogni pochi giorni e si chiamano l’un l’altro durante la notte per iniziare l'accoppiamento. Questo rituale si verifica tra marzo e giugno e il rapporto si svolge con la femmina in un ruolo dominante. Sono uccelli monogami a meno che non trovino un compagno migliore. Questi animali si riproducono tutto l'anno ma depongono un uovo solo alla volta, può essere deposto un altro uovo quattro o sei settimane dopo la prima deposizione.

Le uova hanno dimensioni enormi, sono grandi quasi quanto un terzo dell’intera massa della femmina. Quando l’uovo è ancora all’interno del corpo della madre gli organi interni di quest’ultima si spostano per dare spazio all’uovo. Il periodo di incubazione dura fino a 11 settimane e i pulcini sono pronti a lasciare il nido in 10 giorni. La maturità sessuale viene raggiunta dai maschia a 18 mesi mentre dalle femmine tra i 3 e i 5 anni d’età.

Una volta deposto l’uovo le femmine lasciano la cova ai maschi che perdono un terzo del loro peso senza mai lasciare il nido. Quando nascono i piccoli si nutrono del tuorlo del loro stesso uovo.

Questi animali in natura possono vivere fino a 20 anni circa ma in cattività si sono osservati esemplari che sono arrivati anche a 40 anni.