Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Mer11212018

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

Il leopardo

leopardo

La panthera pardus, comunemente chiamata leopardo, è un mammifero appartenente alla famiglia dei felidae che popola l’Asia occidentale, centrale, meridionale, orientale e sud-orientale e l’Africa.

Il leopardo appartiene alla più piccola delle quattro famiglie di "grandi felini" del genere panthera. Rispetto ad altri membri dei felidi, ha le gambe relativamente brevi e un lungo corpo dallo spesso scheletro. È, in apparenza, simile al giaguaro, ma è più piccolo e più esile. Il leopardo, come il giaguaro, è un’animale maculato: possiede chiazze e macchie nere uniformi sugli arti e sul corpo, rosette con il centro più chiaro sul corpo, uno sfondo chiaro sulla parte ventrale e la coda anellata.

Il leopardo è un’animale dalla stazza molto variabile: la sua lunghezza varia tra 0,9 e 1,9 metri, con la coda di 60-110 centimetri. Un esemplare adulto può pesare tra i 37 e i 90 chilogrammi. La sua grande testa è munita di robusti muscoli mascellari, adatti ad afferrare, uccidere e smembrare la preda. Anche il garrese e gli arti anteriori sono molto muscolosi e servono all’immobilizzazione della vittima.

Come molte specie di felidi e di altri mammiferi, anche i leopardi possono manifestare il fenomeno del melanismo. A conseguenza di questa mutazione genetica, la pelle e la pelliccia di questi esemplari contengono grandi quantità di un pigmento scuro (la melanina), che li fa apparire di un colorito nerastro. Maggiormente diffusi nelle fitte e umide foreste, i leopardi melanici, conosciuti come “pantere nere”, erano considerati una specie a parte e la quasi invisibilità delle rosette e delle macchie traeva in inganno coloro che li avessero osservati. Quando vive nel deserto, il leopardo è giallo chiaro, mentre quando vive nelle praterie il mantello è di un giallo più scuro.

Il successo della specie in natura è, in parte, dovuto al suo opportunistico comportamento di caccia, alla sua adattabilità a svariati habitat, alla capacità di correre velocemente raggiungendo i 58 km/h, all’ineguagliabile capacità di arrampicarsi sugli alberi e alla sue doti furtive, che gli permettono di nascondersi perfettamente nel proprio habitat. Il leopardo consuma qualsiasi animale a cui possa dare la caccia e sia in grado di catturare e il suo habitat spazia dalla foresta pluviale ai terreni desertici. Il leopardo è, inoltre, in grado di adattarsi alla presenza umana e caccia fino a pochi chilometri dalle grandi città, riuscendo a sopravvivere nonostante le numerose minacce.

Questo felide è un provetto arrampicatore e, grazie alla sua forza, è in grado di trascinare sugli alberi le proprie prede, per mangiarle immediatamente o nasconderle per poi consumarle successivamente. È capace di mangiare sui rami in maniera indisturbata e la carne viene messa in salvo dai potenziali attacchi di iene e sciacalli.

Pochi felidi selvatici hanno un aspetto più vario, una scelta delle prede e una distribuzione geografica più ampie del leopardo. La sua dieta comprende piccoli animali come gli scarabei stercorari e grossi mammiferi come le antilopi. Una preda di grosse dimensioni può fornire cibo sufficiente per 2 settimane, ma, solitamente, il leopardo caccia ogni 3 giorni e una femmina con i cuccioli lo fa con frequenza doppia.

La cucciolata media è di 2 piccoli, che nascono dopo un periodo di gestazione di 90-105 giorni. I cuccioli vengono accuditi dalla madre, sono svezzati a 3 mesi e restano con lei fino 1 anno o più, mentre i fratelli possono rimanere assieme anche più a lungo. La vita media di un leopardo in libertà è stimata tra i 7 e i 10 anni, ma in cattività questi animali possono raggiungere anche più di 20 anni.