Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Dom10222017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

Il leopardo delle nevi

leopardodellenevi

Il leopardo delle nevi, anche conosciuto col nome di panthera uncia, è un felide di grandi dimensioni appartenente al genere panthera.

Le dimensioni del leopardo delle nevi variano da un esemplare all’altro, ma in media il peso può raggiungere i 55 o addirittura i 75 kg per il maschio, mentre le femmine sono visibilmente più piccole; il corpo misura dai 75 ai 130 cm di lunghezza, più gli 80 cm di coda. La pelliccia è folta, di colore grigio o marroncino, zone inferiori biancastre; inoltre, su tutto il corpo vi sono macchie nere. Gli occhi sono di colore verde chiaro o tendenti al grigio. Il corpo del leopardo delle nevi ben si adatta ai climi freddi in cui vive: la pelliccia lo protegge dal freddo, così come le orecchie piccole e dalla forma arrotondata o il corpo tozzo minimizzano la perdita di calore corporeo; le zampe, dotate di pelliccia tra i polpastrelli, si presentano larghe così da distribuire in maniera ottimale il peso sulla neve, e la coda lunga e spessa viene usata, oltre a garantirgli un buon equilibrio, come fosse una coperta: l’animale si copre il viso mentre dorme.

Il muso è corto e possiede delle fossette nasali particolarmente grandi: queste gli permettono di respirare l’aria fredda e rarefatta senza problemi. Il leopardo delle nevi non è in grado di ruggire, anche a causa dell’assenza di laringe.

Distribuzione e Habitat

Il leopardo delle nevi è diffuso tra le catene montuose dell'Asia centromeridionale, come il Pamir, il Tibet e l'Himalaya.  A nord si estende fino ai Monti Altai e Saiani e in Mongolia e nella Cina occidentale. Come habitat predilige, quindi, le zone montuose elevate e i prati alpini asiatici, al disopra del limite degli alberi. E’ possibile trovarlo tra i 3350 e i 6700 m di altitudine, o anche in zone più basse: comprese tra i 600 e i 700 metri.

Abitudini e Alimentazione

Questo felide ha abitudini perlopiù solitarie: ogni esemplare occupa un proprio territorio, che tuttavia non è difeso in maniera aggressiva, ma semplicemente marcato con urina e feci, proprio com’è costume per ogni felino. Il leopardo delle nevi è attivo in particolare all’alba e al tramonto, momenti che riservano soprattutto alla caccia: si ciba di qualsiasi carne riesca a trovare, quindi persino di carogne. E’ in grado di abbattere anche animali più grossi, ma preferisce dare la caccia a prede più piccole come lepri e uccelli; una volta raggiunta la preda, la uccide con un morso al collo, trascinandola poi in un luogo riparato prima di divorarla e consumandone ogni parte commestibile.

Non sono rari gli attacchi al bestiame domestico, per questa ragione i mandriani uccidono i leopardi delle nevi per evitare che assalgano i loro animali. Tuttavia, non sono stati registrati casi di attacchi all’uomo: pare che il leopardo delle nevi sia il grande felide meno aggressivo, scegliendo addirittura di abbandonare la preda se minacciati o di non difendersi se attaccati.

Riproduzione

Il leopardo delle nevi, a differenza degli altri felini, non può accoppiarsi in tutte le stagioni per evitare che il parto avvenga poi nei duri mesi invernali: la stagione degli amori va da gennaio a metà marzo, e la gestazione dura circa tre mesi. Nascono dai 2 ai 4 cuccioli che nei primi gironi di vita restano nella tana costruita dalla madre in una caverna o in qualche anfratto roccioso, restando con lei fino all’arrivo dell'inverno.