Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Mar06192018

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

Il licaone

licaone

Il licaone, nome scientifico lycaon pictus, è un canide appartenente alla famiglia Canidae; è l’unico rappresentante del genere Lycaon e da alcuni è chiamato il cane iena o cane verniciato.

Il licaone è un canide di medie dimensioni: raggiunge un’altezza di 70 cm circa, per un peso che va dai 20 ai 30 kg; presenta lunghe zampe, una testa robusta e orecchie grandi e dalla forma arrotondata. Il mantello è caratterizzato da diversi colori: nero, marrone, bianco e giallo; la coda, lunga circa 30 o 40 cm, è bianca nella parte centrale e terminale. Le macchie variano da individuo a individuo, permettendo di distinguere ciascun esemplare dall’altro. A differenza degli altri canidi, il licaone ha solo 4 dita alle zampe inferiori, invece di 5.

Una peculiarità di questo animale è il suo odore: è particolarmente penetrante e intenso, funzionale nella comunicazione tra i membri del branco.

È fra i mammiferi africani a maggior rischio di estinzione: i fattori sono molteplici, a cominciare dall’accanimento diretto da parte dell'uomo, dalla distruzione dell'habitat per finire con le malattie indotte dagli animali domestici.

Distribuzione e Habitat

Il licaone è diffuso in diverse zone dell'Africa a sud del Sahara, dove vi è perlopiù boscaglia aperta; alcuni esemplari sono stati avvistati presso la vetta del monte Kilimangiaro che presenta un'altitudine di 5895 m sopra il livello del mare. Abitano soprattutto le grandi praterie africane, le savane, luoghi dove vi sono branchi di gnu o altri tipi di ungulati di cui si nutre.

Abitudini e Alimentazione

Il licaone è un animale gregario: vive in branchi costituiti da circa 20 membri e guidati da una coppia dominante, cacciando in gruppo le prede. Il capobranco sceglie la preda, dando poi il via all’inseguimento: l’animale raggiunge una velocità di 55 km/h per 6-8 km, ma che può toccare anche i 65 km/h. Una volta catturata, la vittima viene dilaniata dai componenti del branco e mangiata in circa dieci minuti. La sua abilità nella caccia non è da sottovalutare: ha una percentuale di successo che oscilla tra il 50% e l’85% e ciò lo rende uno dei predatori più temibili.

Il licaone è particolarmente altruista con gli altri elementi del branco: anche se la preda non è sufficiente a sfamare tutti, la condividono ugualmente. Finita la caccia, torna alla propria tana per rigurgitare il cibo ai piccoli o alle femmine. Caccia soprattutto le gazzelle di Grant, le gazzelle di Thomson, l'impala, piccoli di gnu o anche gnu adulti e zebre.

Riproduzione

La femmina, una volta pronta all’accoppiamento, marca più frequentemente il territorio intorno alla tana. La gestazione dura dai 69 ai 72 giorni e sembra essere il periodo più lungo tra le altre specie; la femmina dà alla luce, in media, 7 cuccioli, ma non è raro che arrivi a partorire anche 10 o 13 piccoli. Entrambi i genitori si occupano della prole, in particolare il padre procura loro il cibo fino a che non raggiungeranno il primo anno di età e saranno in grado di cacciare da soli.