Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Dom10222017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

Il luccio

luccio

Il luccio, nome scientifico esox lucius, è un pesce d’acqua dolce che appartiene alla famiglia degli Esocidi e all’ordine degli Esociformes.

Il luccio è un pesce di grossa taglia: i maschi adulti possono raggiungere i 90 cm di lunghezza per un peso di 30 kg; le femmine sono notevolmente più grosse e arrivano anche ai 150 cm. Possiede un cranio particolarmente grosso rispetto al corpo e un muso ad anatra; la mandibola è sporgente ed è dotato di una dentatura solida e aguzza. Sulla linea laterale del corpo si contano dalle 105 alle 148 squame.

Secondo la stagione o l’età, la colorazione della livrea muta, ma generalmente è di colore verde o grigiastro, più scura sul dorso, più chiara sui fianchi, e tendente al bianco sul ventre; sul dorso e sui fianchi presenta delle macchie argentee o color oro, mentre le pinne sono gialle con venature nere. La coda è lunga, bilobata e piena d’incisioni. Il luccio vive in media venti o trent’anni.

Distribuzione e Habitat

Il luccio è diffuso in America del Nord, nelle regioni che vanno dalla Francia alla Siberia, nelle isole dell’Irlanda e della Gran Bretagna; in Italia lo troviamo soprattutto nel settentrione e nelle regioni centrali fino al Lazio e all’Abruzzo. Non sono stati avvistati esemplari in Islanda, in Scandinavia occidentale, in parte della Penisola Iberica e nei Balcani meridionali.

Come habitat, predilige acque di pianura, che siano limpide, con corrente moderata e con un fondale sabbioso o fangoso, ricche di vegetazione.  Nn ama le acque eccessivamente torbide e spesso abita anche acque salmastre, con percentuale di salinità che però non sia non superiore al 7-10% circa.

Abitudini e Alimentazione

Si tratta di un animale con abitudini territoriali, che conduce una vita piuttosto solitaria. E’ un buon predatore, dai movimenti particolarmente veloci: la sua tattica di caccia consiste nel restarsene immobile, nascosto tra la vegetazione o dietro qualche roccia, attendendo pazientemente che la preda scelta arrivi nel suo raggio d’azione per poi aggredirla con uno scatto improvviso e letale.

La dieta del luccio adulto è caratterizzata soprattutto da pesci, crostacei isopodi e anfipodi e da altri invertebrati, ma gli esemplari più grossi sono soliti cacciare e nutrirsi prede sicuramente più appetibili quali anfibi, serpenti d’acqua, piccoli mammiferi ed anche uccelli acquatici.

Riproduzione

Gli esemplari maschi del luccio raggiungono la maturità sessuale intorno ai 2-3 anni, mentre le femmine verso i 3-4 anni di vita; quest’ultime depongono le uova durante la stagione primaverile, scegliendo posti ricchi di vegetazione: le uova aderiscono alle piante acquatiche fino al momento della schiusa. Si presentano di colore giallo ambra, del diametro di 2,5-3 mm e vanno da un numero di 15.000 a 20.000 per ogni chilogrammo di peso della femmina.

La schiusa avviene dopo 3-15 giorni: le larve sono lunghe 6,5-9 mm e si attaccano alle piante fino al riassorbimento del sacco vitellino per poi iniziare a nutrirsi in modo autonomo. Gli avannotti crescono molto velocemente e sono particolarmente voraci: si cibano inizialmente di zooplancton e d’invertebrati, per poi arrivare a predare altri pesci, compresi quelli della propria specie.