Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Ven09222017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

Il lupo rosso

Lupo Rosso

Il Canis rufus, comunemente chiamato lupo rosso, è un mammifero appartenente alla famiglia canidae che precedentemente popolava tutto il sud degli USA ma attualmente popola solo l’estremo sud-est del Texas e la Louisiana Sud-occidentale, anche se è stato reintrodotto in varie zone della North Carolina e del Tennessee.

Prima di diventare una specie in via di estinzione, i lupi rossi abitavano montagne, foreste di pianura e le zone umide. Attualmente, i lupi rossi sopravvivono in piccoli gruppi in paludi inaccessibili e territori montagnosi.

I lupi rossi si distinguono dal loro parente più prossimo, il Canis lupus, per le loro dimensioni più piccole, le gambe più lunghe e le orecchie e la pelliccia corte. I lupi rossi hanno una lunghezza media compresa tra i 100 e i 130 centimetri, con la coda lunga tra i 30 e i 42 centimetri. Dal garrese, questi animali, sono altri dai 66 ai 79 centimetri e i maschi sono del 10% più grandi rispetto alle femmine. Il manto di questi lupi ha un colorito misto di color cannella, bruno, grigio o nero mentre la parte posteriore del corpo è nerastra. Il muso e gli arti sono bruni e la coda pendente è nera. Durante il periodo invernale la pelliccia è maggiormente rossastra e in estate avviene la muta.

Questi canidi sono principalmente notturni e si spostano in branchi costituiti da una coppia con la loro prole anche se sono state riportate notizie di gruppi più ampi. Questi animali vivono in tane costruite nel cavo degli alberi, nelle collinette di sabbia o in prossimità della riva dei torrenti. I branchi vivono solitamente in armonia ma l'aggressività verso i lupi sconosciuti è caratteristica di questi canidi. Questi animali si spostano continuamente nella loro zona areale mantenendosi per una decina di giorni nella stessa frazione di spazio per cacciare.

Roditori, ungulati, e altri piccoli mammiferi sono le principali prede dei lupi rossi ma mangiano anche carogne.

Questi lupi comunicano con i conspecifici attraverso una complessa serie di segnali comportamentali, tattili, chimici e uditivi. Il linguaggio del corpo, i feromoni e i vocalizzi servono per comunicare lo stato sociale, riproduttivo e umorale degli animali mentre il legame sociale è spesso comunicato attraverso il tatto e i limiti del territorio attraverso le secrezioni ghiandolari.

La coppia di maschio e femmina dominante sono gli unici che si riproducono nel branco. Gli altri membri del gruppo aiutano la coppia alfa nell’allevare i piccoli e nel trovare cibo per la femmina in allattamento. I lupi rossi sono monogami e la stagione riproduttiva va da gennaio a marzo. Il periodo di gestazione è di 60-63 giorni al termine del quale la femmina mette al mondo da 3 a 6 cuccioli (possono arrivare fino a 12) nel periodo primaverile.

Sia i maschi che le femmine partecipano all’allevamento dei piccoli nella tana, così come gli altri membri del branco. I cuccioli vendono accuditi e guidati dai membri del branco nell’arco del primo anno di vita. La maggior parte degli esemplari di lupo rosso vivono per circa 4 anni, anche se un soggetto in cattività è arrivato a compiere 14 anni.