Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Dom10222017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

Il mamba nero

mamba

Il mamba nero, anche conosciuto col nome di dendroaspias polylepis e appartenente alla famiglia degli elapidi, è uno dei serpenti più velenosi al mondo.

Il corpo può raggiungere una lunghezza di 4 metri, ed è sottile permettendogli di spostarsi con rapidità nonostante la mole: è in grado di arrivare ai 20 km orari; è persino capace di sollevarsi per un’altezza di circa 3 metri. Al di là del nome, il serpente è di colore verde scuro sul dorso e più chiaro sul ventre; l’interno della bocca è invece di colore nero, cosa che unita alla particolare forma della testa che ricorda una bara, alla sua velocità e aggressività e alla letalità del suo veleno, gli ha fornito il soprannome di ombra di morte.

Distribuzione e Habitat

Il mamba nero abita le zone della savana sub-sahariana, dalla Somalia all’Africa meridionale; in particolare è possibile trovarlo in Burkina Faso, Guinea, Liberia, Costa d’Avorio, Ghana, Togo, Benin, Congo, Camerun, Sudan, Eritrea, Etiopia, Kenia, Tanzania e Uganda.

Quest’ofide è in grado di adattarsi sia alle foreste sia alle savane, di vivere lungo zone rocciose o in ambienti umidi come stagni e paludi. Tuttavia, preferisce le zone semiaride della savana, dove costruisce la propria tana in formicai abbandonati, alberi cavi, radici o caverne.

Abitudini e Alimentazione

Il mamba nero ha perlopiù abitudini diurne: preferisce uscire alla ricerca di cibo durante il giorno trascorrendo la notte nella propria tana. Attacca la preda in due modi diversi: nel caso di animali piccoli, prima li morde e poi li avvolge con il corpo così da tenerli fermi finché non muoiono a causa del veleno iniettato; se le prede sono grandi, dopo averle morse, si allontana, ben attento a non perderle di vista, aspettando che muoiano per poi ingoiarle per intero.

Si nutre principalmente di animali a sangue caldo, come uccelli e mammiferi, ma non è raro che si cibi anche di altri serpenti.

Si tratta di un tipo di serpente particolarmente aggressivo e mortale, e per questo motivo molti africani lo perseguitano e uccidono, pur esponendosi a un rischio davvero enorme.

Riproduzione

La stagione degli amori per il mamba nero ha inizio verso la fine della primavera e l’inizio dell’estate: il maschio corteggia la femmina con un particolare rituale, lottando con i suoi simili, se necessario. In seguito all’accoppiamento, il maschio lascia che sia la femmina a occuparsi della gestazione e deposizione delle uova che vanno da un minimo di dieci a un massimo di venti, poste in una buca scavata nel terreno. I piccoli, appena nati, sono già autosufficienti e muniti di ghiandole velenifere.

Il veleno

Il mamba nero inietta un veleno tremendamente letale e tra i più potenti al mondo: impiega massimo 20 minuti per uccidere. E’ ricco di neurotossine e cardiotossine: attacca il sistema nervoso e blocca gli organi vitali. Inoltre, si presenta più viscoso dei veleni degli altri serpenti, aumenta di conseguenza la rapidità con cui è immesso nel sistema circolatorio della vittima. Il terribile veleno è iniettato mediante due appuntiti canini cavi internamente.