Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Dom10222017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

Il margay

margay

Il Felis Wiedii, comunemente chiamato Margay, è un mammifero appartenente alla famiglia dei felidi che popola la zona areale dal Nord America meridionale all’America del centro e del sud.

Il margay è apparentemente molto simile al più grande ocelot, anche se possiede una testa più breve, occhi più grandi e coda e gambe più lunghe. Questo mammifero pesa tra i 2,6 e i 4 chilogrammi e misura tra i 48 e i 79 centimetri, con la coda di 33-51 centimetri. A differenza di molti felidi, la femmina di margay possiede solo due mammelle.

Questo felide ha una pelliccia di colore marrone, contrassegnata da numerose righe di colore marrone scuro, rosette nere o striature longitudinali. Il ventre di questo animale è caratterizzato da un colorito più pallido, che va dal marrone chiaro al bianco. La coda ha numerose bande scure e, solitamente, la punta nera. Le parti posteriori delle orecchie sono nere con macchie bianche e circolari al centro.

Il margay è un eccellente arrampicatore (per questo, spesso, viene chiamato Ocelot arboricolo), ha gli arti posteriori quasi “reversibili” e può correre su un tronco a testa in giù e appendersi a un ramo con un’unica zampa. Le sue prede sono quasi tutti arboricole e comprendono topi, scoiattoli, opossum, giovani orsi giocolieri, piccoli uccelli e invertebrati come le larve d’insetto e i ragni. Non è raro che il margay si nutra di uova, rane e lucertole e occasionalmente mangia anche frutta ed erba. È stato osservato che questi felidi sono in grado di modulare i suoni da loro emessi per imitare i versi di alcune prede per così poterle catturare più facilmente.

Questo carnivoro è un animale notturno e di giorno si riposa su una biforcazione di rami. Come la maggior parte dei felidi, è un animale solitario: gli adulti, solitamente, si incontrano soltanto nei periodi di accoppiamento. Essi sono scarsamente distribuiti anche nel loro ambiente naturale, occupando relativamente ampi spazi di 11-16 chilometri quadrati. Per indicare il loro possesso sul territorio, spruzzano urina o graffiano il terreno o i rami degli alberi. I loro vocalizzi sono utilizzati come richiami a breve raggio; non sono soliti emettere i loro versi per comunicazioni a lunga distanza.

I Margay femmine sono in estro per 4-10 giorni ogni 35 circa e durante questo periodo attirano i maschi con gemiti prolungati. Il maschio risponde guaendo o emettendo suoni trillanti e scuotendo la testa da parte a parte rapidamente. La copulazione dura fino a 60 secondi e avviene principalmente sugli alberi. Dopo una gestazione di 76-85 giorni, la femmina partorisce un piccolo (raramente 2). I cuccioli pesano 85-170 grammi alla nascita e raggiungono la maturità sessuale a 12-18 mesi di vita. Un margay, in cattività, può raggiungere i 24 anni di vita, ma i cuccioli hanno un alto tasso di mortalità in natura, cosa che scoraggia le prospettive di un incremento della popolazione naturale.

In seguito alla diminuzione della disponibilità di pellicce di ocelot, il margay è divento uno dei piccoli felidi più ricercati per questo tipo di commercio. In alcune zone viene ancora cacciato illegalmente, ma la minaccia principale alla sua sopravvivenza è attualmente costituita dalla deforestazione.