Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Gio12142017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

Il pesce istrice

Pesce Istrice

Il Diodon hystrix, comunemente chiamato pesce istrice o pesce porcospino gigante, è un pesce del’ordine Tetraodontiformi e della famiglia Diodontidae che vive in mare, precisamente nell'Oceano Pacifico da San Diego, in California, al Cile, nella zona delle Hawaii e delle Galapagos; nell'Oceano Atlantico dal Massachusetts a nord del Golfo del Messico, così come nelle Bermuda, ai Caraibi e in Brasile.

Questi pesci si possono riscontrare anche intorno alle Azzorre e alle Seychelles, così come nell'Oceano Indiano occidentale, al largo della costa del Kenya, del Mozambico, della Somalia e del Sud Africa. Inoltre, questi pesci possono essere incontrati nel mar Mediterraneo e nel mar Rosso e al largo della costa della Nuova Zelanda.

Gli adulti di pesce istrice possono essere rinvenuti all’interno di fori e fessure nelle zone costiere, in lagune, grotte, relitti, scogliere e presso sporgenze rocciose e aree montane sottomarine. Questi pesci vivono anche a profondità di circa 50 metri ma sono riscontrabili anche tra i 3 e i 20 metri sotto il pelo dell’acqua. I piccoli di questa specie di pesci sono pelagici fino al raggiungimento dei 20 centimetri di lunghezza, diventando bentonici in seguito.

I pesci istrice hanno la particolare peculiarità di poter espandere il proprio corpo rendendosi simili a delle sfere ma hanno una fisicità longilinea solitamente caratterizzata da piccole pinne. Questi pesci sono coperti di lunghe spine che sono distese quando il loro corpo è sgonfio e si portano in posizione eretta quando si gonfiano.

Il colore del corpo varia ma sono generalmente uniformemente di un marrone opaco o verde con piccole macchie scure e delle marcature. La parte ventrale del corpo è chiara ed è circondata da un anello scuro mentre le pinne sono di colore uniforme.

Questi pesci hanno occhi grandi e larghi e bocche appiattite. I loro denti sono fusi insieme e hanno delle mascelle molto forti. I pesci istrice possono crescere fino a 91 centimetri, con una media di 40 centimetri per esemplare; possono arrivare ad un peso massimo di quasi 3 chilogrammi. Esistono lievi differenze fisiche tra i maschi e le femmine sia per la forma del corpo che per le dimensioni.  

Questi pesci gonfiano il loro corpo quando si sentono minacciati ingerendo una grande quantità d’acqua. Possono arrivare a triplicare le loro dimensione durante questa pratica. Una volta che la minaccia sparisce i pesci istrice tornano alle loro normali dimensioni espellendo l’acqua in eccesso.

Questi animali sono solitamente notturni e solitari e durante il giorno restano rintanati e nascostati. Questi pesci possono muoversi in gruppo durante i periodi di accoppiamento.

I maschi e femmine si accoppiano promiscuamente durante la deposizione delle uova. Le pratiche di accoppiamento di questi pesci sono state supposte in base a quanto osservato nei  holocanthus Diodon, specie estremamente affine. L’accoppiamento dovrebbe iniziare quando la temperatura dell'acqua raggiunge circa i 25°, probabilmente da maggio ad agosto. Un gran numero di maschi si avvicinano ad una femmina alla volta conducendola in superficie dove questa rilascerà le uova. Tutti i maschi allora rilasceranno lo sperma che feconderà le uova.

Le uova si schiudono entro 5 giorni dalla fecondazione e i piccoli restano soli; i genitori non investono nell’allevamento. I piccoli hanno una grandezza di circa 3 millimetri alla nascita e cacciano le spine dopo 10 giorni, al raggiungimento dei 5 millimetri di lunghezza.

I pesci istrice mangiano soprattutto molluschi. Le bocche di questi pesci sono in grado di prendere e schiacciare ricci di mare, granchi, lumache e vongole mentre le loro grandi labbra gommose li proteggono dalle ferite potenziali che potrebbero produrre le spine e le conchiglie rotte. Di solito, questi pesci usano scavare nella sabbia per trovare il cibo.

L’aspettativa di vita per questi animali in natura è sconosciuta ma in cattività raggiungono mediamente i 10 anni.