Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Mer01242018

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

Il ragdoll

ragdoll

Il ragdoll, il cui nome significa bambola di pezza, è un gatto originario dell’America del nord: è il risultato di selezioni di gatti di razza angora e birmana.

Si tratta di un esemplare di notevoli dimensioni: il maschio arriva agli 8 kg, la femmina ai 5 kg. Il mantello è folto e morbido, il pelo lungo o semi-lungo diventa più corto sulle zampe e sui piedi ha piccoli ciuffetti tra un dito e l’altro; i colori vanno dal seal point, al blue point, al chocolate point, al liliac point, ma vi sono anche esemplari di ragdoll con la punta delle zampe bianca o pezzati di bianco. Una sua peculiarità sta nella presenza di una V rovesciata, di colore bianco, sul muso e tra gli occhi. Questi ultimi sono particolarmente belli, grandi e di forma ovale, di un intenso blu; la testa è grande e arrotondata, le orecchie sono larghe alla base e arrotondate verso la punta. Le zampe sono robuste e quelle posteriori sono più lunghe di quelle anteriori, mentre la coda si presenta spessa e lunga. In media vive tra i 15 e i 18 anni.

Ha un’indole molto docile, pacifica e per nulla aggressiva, ed è particolarmente affettuoso: ama il contatto fisico e si lega in particolare a un membro della famiglia, cui dedica molte attenzioni e totale dedizione. Ed è proprio per questo suo carattere remissivo, docile e dolce che deve essere trattato con gentilezza. E’ un tipico gatto di appartamento, ma non è adatto per chi passa poco tempo a casa; non ama restare da solo, ed è anche abbastanza permaloso: se gli viene fatto un torto, è capace di restarsene in disparte anche per diverse ore.

Cure

E’ importante spazzolare il ragdoll con regolarità, servendosi di un pettine con denti conici e privo di punte acuminate; durante il periodo della muta, bisognerà spazzolarlo ogni giorno e al contempo somministrargli prodotti che lo aiutino a liberare l’intestino dagli eccessi di pelo, che ingoia quando si lecca.

Si tratta di un animale molto esigente per quanto riguarda la pulizia della lettiera: non sopporta che il suo giaciglio sia sporco o che emani cattivo odore.

Alimentazione

Il ragdoll può essere nutrito sia con cibo confezionato, sia con cibo fresco se si tratta di carne, riso bollito e verdure, completato con vitamine. Ama variare alimenti e preferisce soprattutto quelli freschi, ma non disdegni i cibi secchi; sembra non essere mai sazio, per cui è importante tenere sotto controllo il suo peso perché, soprattutto se sterilizzato, tende a ingrassare.

Riproduzione

Il maschio raggiunge la maturità sessuale verso 15 mesi di età, mentre la femmina dovrà accoppiarsi solo dopo l'anno di vita: è una buona madre, alleva con amore i propri cuccioli e permette persino che il proprio padrone tocchi i gattini. Questi ultimi, appena nati, sono di colore bianco, ma le punte cominciano a colorarsi dopo i primi dieci giorni e il colore comincia a definirsi dopo circa tre settimane di vita. Potranno essere svezzati dopo circa un mese.