Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Gio12142017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

Il rinoceronte indiano

rinoceronte indiano

Il rhinoceros unicornis, comunemente chiamato rinoceronte indiano, è un mammifero appartenente alla famiglia dei rhinocerotidae e all’ordine dei perissodactyla che popola l’Asia meridionale, precisamente la valle del Brahmaputra.

Il rinoceronte indiano può raggiungere una lunghezza di 3,8 metri, con la coda di 70-80 centimetri, e pesare fino a 2,2 tonnellate. La pelle di questo animale ha pieghe profonde che delimitano large placche rigide, che ricordano un’armatura per la presenza di tubercoli simili a chiodi (protuberanze) sui fianchi e sulla parte posteriore del corpo. La spessa pelle del rinoceronte indiano è di color argento-marrone e diventa rosata in prossimità delle grandi pieghe della pelle che coprono il suo corpo. Ha pochi e radi peli, a parte le ciglia, possiede frange pelose sulle orecchie e sulla coda. Grette e bufaghe rimuovono i parassiti che si trovano all’interno delle pieghe, fungendo anche da sentinelle.

L’erba alta è parte essenziale della dieta del rinoceronte indiano. Cresce fino a 8 metri d’altezza nella stagione delle piogge fornendo un eccellente riparo. Questa specie si nutre prevalentemente all’imbrunire e nell’oscurità, facendo aderire il labbro superiore agli steli d’erba per recidere la parte più tenera all’estremità.
Il rinoceronte indiano è la più acquatica di tutte le varie specie di rinoceronte e ama particolarmente sguazzare e nuotare. Gli esemplari di questa specie passano la metà della giornata a sguazzare in laghi, fiumi, stagni e pozzanghere e sono ottimi nuotatori.

Nonostante la stazza, questo mammifero è in grado di correre a 40 chilometri orari per brevi periodi e compensa lo scarso senso della vista con i sensi dell’udito e dell’olfatto molto sviluppati.
Come altre specie di rinoceronti, anche il rinoceronte indiano è solitario, tranne che nel periodo dell’accoppiamento e in quello in cui il piccolo viene allevato dalla madre.

Sia il maschio sia la femmina hanno un solo corno, che può raggiungere i 60 centimetri di lunghezza. I maschi hanno incisivi simili a zanne, più grossi e più affilati di quelli delle femmine per combattere i rivali nel periodo della riproduzione. Al di fuori di quel periodo tollerano le intrusioni nel loro territorio, la cui superficie varia da 2 a 8 chilometri quadrati secondo la qualità dell’habitat. Il periodo di gestazione dura 16 mesi e il piccolo può rimanere con la madre fino al parto successivo, che può arrivare 3 anni dopo. L’iniziò dell’età riproduttiva si aggira intorno ai 15 anni e un rinoceronte indiano ha un’aspettativa di vita di circa 35 anni (in alcuni casi, in cattività, i rinoceronti indiani hanno raggiunto i 40 anni).

I rinoceronti indiani hanno pochi nemici naturali, fatta eccezione per le tigri, che a volte uccidono i cuccioli incustoditi. I rinoceronti adulti sono meno vulnerabili grazie alle loro grandi dimensioni. Nonostante le misure protettive attivate nei confronti di questi animali e un incoraggiante aumento del loro numero, le popolazioni di rinoceronte indiano sono disperse e frammentate e tuttora a rischio. Questi animali sono, inoltre, presi di mira dai cacciatori di frodo per il loro corno e altre parti del loro corpo.