Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Gio12142017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

Il rinofrino dorsale

Rinofrino Dorsale

Il rhinophrynus dorsalis, comunemente detto rinofrino dorsale, è un anfibio appartenente alla famiglia Rhinophrynidae che popola l’area compresa tra gli Stati Uniti d’America meridionali e l’America centrale (Texas, Belize, Costa Rica, El Salvador, Guatemala, Honduras, Messico, Nicaragua).

Il corpo di questo anfibio è pieno, il muso è appiattito e gli arti sono minuti. Queste caratteristiche corporee rendono questa rana dall’aspetto insolito particolarmente adatta a una vita prevalentemente sotterranea.

Questi animali possono essere lunghi tra i 6 e gli 8 centimetri e posseggono una striscia rossa sul dorso, accompagnata da macchie rosse che ricoprono le aree laterali del corpo ricoperto di pelle nera.

Il loro corpo è flaccido e ricoperto di pelle lassa. Il loro muso è accorciato sia lateralmente che ventralmente e sia il muso che lo sfiato cloacale sono ricoperti da tubercoli sensoriali. La testa è molto piccola e risulta essere appuntita con gli occhi che a loro volta sono molto piccoli.

Questi anfibi non posseggono il collo e le orecchie non sono visibili. Gli arti sono brevi ma robusti e le zampe anteriori hanno solo un abbozzo di dita, mentre quelle posteriori posseggono dita ben distinte e palmate.

Hanno anche due forcelle allargate sulla superficie interna del metatarso (caviglia). Le macchie di colore che li contraddistinguono, oltre ad essere rosse, possono essere anche gialle o arancioni mentre il colore dorsale del corpo può andare dal nero al marrone molto scuro.

Le femmine tendono ad essere sostanzialmente più grandi dei maschi di questa specie che posseggono delle sacche vocali interne che utilizzano per richiamare le femmine (le femmine ne sono sfornite)

Gli adulti si riproducono in stagni e, dopo la schiusa delle uova, i girini si nutrono filtrando il cibo in sospensione nell’acqua con i barbigli presenti intorno alla bocca.

I girini di questa rana hanno caratteristiche molto diverse dagli adulti. Il dorso del corpo dei piccoli è di colore grigio/nero, mentre il ventre è color argento. Di notte, la testa e il corpo dei girini sembrano, spesso, essere traslucidi. La testa dei piccoli è piatta e larga e gli occhi dei girini sono disposti lateralmente rispetto alla bocca che è circondata da barbigli.

La coda dei girini è lunga circa il doppio del corpo e la pinna dorsale si estende dal terzo posteriore del corpo.

Il rinofrino dorsale vive in zone basse del terreno morbido, dove risulta essere più semplice scavare. Riemerge in superficie solo dopo abbondanti piogge. Queste rane scavano a ritroso nel terreno, utilizzando le forcelle allargate sul retro della loro zampe. La loro attività fuori della terra è limitata alla stagione delle piogge, quando si nutrono di termiti, formiche e altri insetti disponibili in quel periodo.

L'inizio della stagione delle piogge segna la stagione degli amori e i maschi richiamano le femmine che si ritrovano di solito nei grandi corsi d'acqua temporanei per l'accoppiamento.

La femmina, dopo l’amplesso inguinale, rilasciano diverse migliaia di uova, individualmente o in piccoli gruppi, nell’acqua. Le uova si depositano sul fondo e schiudono nel giro di pochi giorni dando vita ad una miriade di girini che muteranno in rinofrini dorsali.