Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Sab08192017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

Il serpente gatto europeo

serpenteGatto

Il serpente gatto europeo, nome scientifico telescopus fallax, è un ofide appartenente alla famiglia Colubridae.

Il serpente gatto europeo è un ofide di piccole dimensioni: raggiunge una lunghezza di 80 cm circa e raramente arriva al metro. Il corpo è snello e longilineo, la testa si presenta larga alla base e appiattita con grosse squame in cima, al di sopra degli occhi; questi ultimi sono piccoli e hanno la pupilla verticale.

Il colore è variabile: oscilla dal grigio-beige al bruno scuro, con piccole macchie scure; in alcuni esemplari è stata riscontrata una sorta di collare che ricorda il natrix. Il ventre è molto chiaro, spesso bianco, giallastro o rosa, con una lieve screziatura scura o con chiazze irregolari. Possiede scaglie lisce, presenti in 17-22 file a metà del tronco.

Si tratta di un serpente opistoglifo: possiede denti pieni differenti, collegati a ghiandole velenifere, nella regione posteriore della mascella.

Distribuzione e Habitat

Il serpente gatto europeo è diffuso nell'Europa dell'est, dai Balcani al Caucaso, ma si trova anche in Asia minore, e in gran parte delle isole Egee. Nel nostro paese è possibile avvistarlo in Friuli e nei dintorni di Trieste.

Come habitat predilige ambienti aridi, come le cave di pietra, zone di macchia mediterranea con cespugli e sassi, pendii soleggiati, muretti e ruderi abbandonati, inoltre non è raro trovarlo nei cumoli di legna. Abita le pianure, ma è stato rinvenuto anche in zone montuose a 1800 m.

Abitudini e Alimentazione

Si tratta di una specie attiva soprattutto al calar del sole, che preferisce trascorrere le proprie giornate a riposare in qualche anfratto, alternando brevi esposizioni ai raggi del sole. Il serpente gatto europeo ha un’indole piuttosto timida e schiva, ma se minacciato non esita a mordere.

Trattandosi di un ofide dalle piccole dimensioni, preda perlopiù sauri come lucertole, giovani ramarri e gechi, ma non disdegna piccoli roditori e nidiacei, in altre parole il cibo preferito di tutti i serpenti. Uccide la vittima grazie all’azione del veleno: lo inietta nella preda, mantenendo la presa per alcuni secondi, per poi lasciarla fuggire e attendere che muoia.

Il veleno del serpente gatto europeo è letale per un animale di piccole dimensioni, ma non ha gli stessi effetti sull’organismo umano a causa della conformazione della bocca troppo piccola perché riesca a infliggere ferite all’uomo e poiché i denti veleniferi sono posti troppo indietro. Non si tratta, quindi, di un animale pericoloso per l’uomo perché, anche nel raro caso in cui riesca a mordere un essere umano, iniettandogli del veleno nell’organismo, questi risentirà al massimo di un leggero malessere unito al gonfiore della zona interessata, sintomi che comunque sembrano persistere al massimo per qualche ora.

Riproduzione

La stagione degli amori, per il serpente gatto europeo, coincide con i mesi primaverili: all’inizio dell’estate, la femmina depone dalle 5 alle 10 uova dal guscio pergamenaceo e lunghe circa 30mm. La schiusa avviene in settembre: alla nascita, i piccoli misurano appena 20 cm. Nel corso del loro primo anno di vita, essi si nutrono esclusivamente d’insetti e giovani lucertole.