Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Lun12182017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

Il topo canguro pallido

Topo Canguro Pallido

Il Microdipodops pallidus, comunemente chiamato topo canguro pallido, è un mammifero roditore appartenente alla famiglia Heteromyidae che popola la zona ovest del Nevada e parte della California negli Stati Uniti d’America.

Questi topi vivono in ambienti aridi, lungo le dune di sabbia e nel terreno ghiaioso. I topi canguro pallidi possono essere trovati sia in pianura che ad altitudini comprese tra i 1.000 e i 2.500 metri. Scavano le loro tane nella terra in prossimità di arbusti e si muovono soprattutto durante la notte.

I corpo di questi mammiferi è lungo dai 6,6 ai 7,7 centimetri per un peso di 15 grammi in media (da 10 a 17 grammi). La coda può essere più lunga del corpo e arrivare anche a 10 centimetri di lunghezza. Questi roditori sono ricoperti di pelo color bianco-crema. La pelliccia è lunga e setosa e le grandi zampe posteriori, a confronto con quelle posteriori, facilitano la locomozione negli habitat sabbiosi. I piedi, inoltre, sono muniti di peli duri che aumentano la superficie della pianta del piede stesso rendendo i movimenti più agevoli. La coda è utilizzata per mantenere l’equilibrio e per accumulare il grasso durante lunghi periodi di immobilità e sonno.

I topi canguro pallidi sono animali principalmente notturni. Si crede che siano, inoltre, solitari e aggressivi nei confronti dei conspecifici. Non si è certi che entrino in letargo, ma sono conosciuti per incrementare i periodi di sonno a dispetto della temperatura e della disponibilità di cibo.

La definizione di topo canguro deriva dal loro modo di saltare come fanno i canguri, infatti, questi animali sono esclusivamente bipedi, usano la coda per contrappeso e per mantenere l’equilibrio, ed utilizzano le zampe anteriori per approcciarsi dal mondo.

I topi canguro pallidi sono principalmente granivori e usano i loro incisivi per pulire i semi e li portano nelle loro tane all’interno delle guance. Durante l’estate questi topi mangiano anche insetti. Nei periodi di sonno utilizzano il grasso accumulato nella loro coda e sono in grado di sopravvivere bevendo pochissimo, in quanto i loro reni efficientissimi sono possono ottenere l’acqua necessaria alla sopravvivenza dal cibo che ingeriscono.

Questi roditori sono muniti di una struttura estremamente sensibili nell’orecchio interno e ciò è funzionale ad un acuto senso dell’udito che viene utilizzato per rilevare la presenza dei predatori. Inoltre, il colore chiaro di questi animali permette loro di confondersi con l’ambiente sabbioso e sfuggire alla cattura da parte di serpenti a sonagli, rapaci, donnole e coyote.

Le informazioni a disposizione sulla riproduzione del topo canguro pallido sono limitate e ciò può essere conseguenza del numero limitato di comportamenti allo scopo riproduttivo che tali animali mettono in atto quando osservati dagli esseri umani o in ambienti controllati. Non sono noti l’età di svezzamento e di maturazione sessuale ma questi animali sono da ritenersi poliestri. I topi canguro pallidi partoriscono da marzo a settembre in natura e il peso medio di un cuccioli alla nascita è di 1 grammo. Ad ogni parto vengono alla luce da 2 a 7 piccoli  che vivono, in media, per 5 anni e mezzo.