Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Dom10222017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

Il topo muschiato

TopoMuschiato

Il topo muschiato, nome scientifico ondatra zibethicus, è roditore appartenente alla famiglia dei Cricetidi.

 

Il topo muschiato è un roditore di medie dimensioni: raggiunge una lunghezza di 60 cm, di cui 25 cm sono rappresentati dalla coda, per un peso che varia tra i 700 g e i 2 kg; possiede un corpo robusto, alquanto tozzo. La testa è grossa e sul muso vi sono delle vibrisse, le zampe sono corte ma forti e quelle posteriori si presentano palmate; sull’estremità delle dita vi sono delle setole rigide che permettono all'animale di nuotare velocemente. Le orecchie hanno la forma di un semicerchio, sono seminascoste nel pelo e fornite di uno sfintere che le chiude quando il topo muschiato è sott’acqua. La coda è appiattita ed è ricoperta di scaglie.

La pelliccia è di colore marrone, più chiaro o più scuro secondo l’età e della sottospecie; in inverno, il manto è più scuro e si schiarisce con l’arrivo dell’estate. Anche se rari, esistono esemplari completamente neri o albini. In natura, vive circa 3 anni mentre in cattività può superare anche i 10 anni di vita.

Distribuzione e Habitat

Il topo muschiato è originario dell’America settentrionale, ma nell'ultimo secolo è stato introdotto in diverse regioni dell’Europa, dell’Asia e del Sudamerica, dove è riuscito ad adattarsi senza grossi problemi.

Predilige le zone umide, ma è in grado di vivere in diversi climi e di habitat anche alquanto differenti. Si trova nei pressi di fiumi, laghi, stagni e paludi, luoghi in cui la corrente non è eccessivamente forte e dove la profondità è inferiore ai due metri.

Abitudini e Alimentazione

Il topo muschiato vive in gruppi caratterizzati da una coppia progenitrice e numerosi figli anch'essi riprodottisi, che si stabiliscono in un dato territorio. Questo è delimitato dal maschio mediante la secrezione delle ghiandole sottocaudali, che emettono il particolare odore muschiato cui l’animale deve il nome.

Preferisce starsene in acqua piuttosto che sulla terra ferma, dove cammina goffamente. E’ un ottimo nuotatore: si serve delle zampe posteriori e utilizzando la coda appiattita come fosse un timone; è in grado di restare in apnea anche per oltre 15 minuti.

Il topo muschiato si ciba soprattutto di radici e foglie di piante acquatiche, come giunchi, ninfee e code di cavallo; non disdegna cereali, frutta, verdura e persino la corteccia degli alberi o anche insetti e molluschi.

Riproduzione

Il topo muschiato che vive in aree temperate può riprodursi tutto l’anno, mentre quello che abita le zone settentrionali si accoppia solamente nei mesi più caldi. Durante la stagione degli amori, l’odore muschiato del maschio s’intensifica e questi defeca ai bordi del proprio territorio, avvertendo così eventuali estranei.

La gestazione dura circa un mese, al termine del quale nascono circa 5 cuccioli già ricoperti di pelo corto e scuro, ma ciechi e sordi; diverranno indipendenti intorno al primo mese di vita e raggiungeranno la maturità sessuale verso i 7 mesi. Restano nello stesso gruppo con i genitori, a meno che non vengano cacciati per eccessivo sovrappopolamento. I giovani possono essere vittima delle lontre, dei grossi gufi e delle volpi rosse.