Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Dom06252017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

L'ibis eremita

IbisEremita

L'ibis eremita, nome scientifico geronticus eremita, è un uccello pelecaniforme appartenente alla famiglia dei Treschiornitidi: si tratta di una specie ad alto di estinzione.

L'ibis eremita è un uccello di dimensioni abbastanza grandi: è lungo circa 70–80 cm, con un’apertura alare di 125–135 cm; i maschi sono leggermente più grandi delle femmine. Le piume sono di colore nero, sulle ali e sul petto vi sono dei riflessi verdi, viola e bronzei, mentre le copritrici alari mostrano sfumature di colore rosso-rame. Sulla nuca, le penne formano un ciuffo.

Sia la testa che la gola sono piuttosto rugose, le zampe sono lunghe e robuste con unghie uncinate; gli occhi sono grandi e di colore giallo. Possiede un becco particolarmente lungo e ricurvo, rosso.

Distribuzione e Habitat

In passato, l’ibis eremita è diffuso in tutto l’Africa settentrionale e Medio Oriente, In Svizzera, Austri e Germania, mentre ora è possibile trovarlo soprattutto nelle regioni del Marocco e della Turchia. Alcuni esemplari sono stati avvistati in Arabia Saudita, nello Yemen, in Israele, in Mauritania ed Eritrea. In Europa, sono presenti alcune colonie semi selvatiche o in cattività.

Predilige le zone rocciose e le scogliere, quelle steppose o semiaride, dove va alla cercare il cibo; sceglie luoghi in cui vi siano fonti d’acqua.

Abitudini e Alimentazione

L'ibis eremita è un uccello gregario: vive in gruppi formati anche da 100 esemplari. Alle prime luci dell’alba, l’intera colonia si muove alla ricerca di cibo, spingendosi anche oltre i 15 km. Comunicano tra di loro emettendo grugniti o mugolii nasali.

L’alimentazione di quest’uccello è particolarmente varia: si nutre principalmente di rettili di piccole dimensioni, lumache, ragni e scorpioni, ma anche piccoli mammiferi e uccelli. Si servono del lungo becco per scandagliare il terreno. Non è raro che gli esemplari maschi aspettino che sia la femmina a procurarsi del cibo, così da sottrarglielo contando sulla loro mole leggermente più grande.

Riproduzione

La stagione degli amori coincide con l'inizio del periodo estivo: il maschio cerca un luogo adatto alla nidificazione e lo mostra con insistenza alla femmina, esibendosi in arruffamenti delle piume ed emettendo bassi gorgoglii.

Se la femmina accetta il corteggiamento, i due trascorreranno insieme il resto della loro vita: solamente la morte di uno di loro spingerà l’altro a cercare un nuovo compagno. Si tratta di un legame molto forte, rinsaldato dalla tipica pratica della pulizia del piumaggio: si lavano a vicenda, soprattutto in quelle zone del corpo più difficili da raggiungere come la nuca e la testa.

Insieme costruiscono il nido in una cavità rocciosa, servendosi di ramoscelli, erba o paglia. La femmina depone dalle 2 alle 4 uova di colore azzurrino con macchie marroni, che durante la cova passeranno a tonalità più scure. Entrambi i genitori si occupano della cova, dandosi il cambio per andare alla ricerca di cibo. Alla nascita, i piccoli hanno un piumaggio di colore scuro e vengono accuditi sia dalla madre che dal padre, fino a quando non saranno in grado di volare, ovvero intorno ai 2 mesi di vita.