Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Sab12152018

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

L'ippoterapia può essere utile per i disoccupati

Ippoterapia per i Disoccupati

L’ippoterapia può essere utile per accrescere l’autostima e favorire un buon modo di presentarsi ai colloqui lavorativi. L’ippoterapia è di aiuto anche ai disoccupati a trovare un’occupazione.

 

Lo sportello “ricomincio da qui” di Spinea (provincia di Venezia) ha proposto l’ippoterapia per favorire il decremento della disoccupazione.

Le richieste di adesione al progetto sono state parecchie e già 255 persone fino a ottobre 2014, di cui 121 uomini (83 italiani) e 134 donne (102 italiane), hanno partecipato.

Adesso partirà un nuovo progetto che propone otto incontri formativi gratis che saranno volti all’insegnamento di strategie per trovare, conservare e migliorare il lavoro a persone senza occupazione fissa.

Il comune di Spinea e i volontari che aderiscono al progetto si avvalgono di personale esperto del settore e di nuove tecniche per permettere la valorizzazione dell’autostima.

L’incremento dell’autostima è il primo passo verso la ricerca e l’ottenimento di un posto di lavoro e gli esempi di ragazzi che avevano perso ogni speranza e hanno ritrovato stabilità economica e familiare grazie al progetto non mancano.

Poiché, all’attualità dei fatti, le aziende ricercano persone che abbiano competenze oltre che esperienza, il progetto punta a far emergere tali competenze. Il progetto “ricominciamo da qui” si avvarrà dei cavalli per favorire lo sviluppo di tali competenze.

Il progetto si svolgerà sia nel Comune grazie a lezione all’aria aperta e alle scuderie Elloc di Borbiago.

Il rapporto che l’uomo instaura con il cavallo sembra avere effetti molto positivi sull’autostima e sarebbe in grado di accentuale le capacità di valorizzarsi, di valorizzare le proprie capacità e percepire in maniera migliore le proprie qualità.

L’assessore ai Servizi sociali del comune, Laura Rosanova, spiega che il progetto si avvale di persone che sono pratiche del mondo del lavoro e conoscono il territorio e ciò che ha da offrire. In questo periodo di forte crisi è essenziale valorizzare l’aiuto reciproco tra gli individui e considerarlo come un regalo.