Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Mer01242018

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

La beccaccia

beccaccia

La beccaccia, nome scientifico scolopax rusticola, è un uccello appartenente all'ordine dei Caradriformi, e alla famiglia degli Scolopacidi: deve il suo nome al lungo becco a punta.

Si tratta di un uccello di piccole dimensioni: raggiunge, in media, i 35 cm di lunghezza per un peso che oscilla tra i 350 e 400 grammi. Possiede una testa tonda e occhi piccoli, le zampe sono corte e ricoperte di piume. Il piumaggio è marroncino, con venature nere, bianche e giallastre: gli permette di mimetizzarsi nella natura per sfuggire a possibili predatori.

I maschi sono leggermente più piccoli delle femmine e le loro piume sono di una colorazione più accesa. Vi sono sei sottospecie di beccaccia: la scolopax rusticola rusticola, la scolopax rusticola minor, la scolopax rusticola celebensis, la scolopax rusticola mira, la scolopax rusticola rochussenii e la scolopax rusticola saturata.

Ha un'andatura strisciante: cammina lentamente sul terreno, con passi brevi e con il dorso incurvato; ricorre al volo nel caso in cui debba compiere lunghi spostamenti. La beccaccia si esibisce in due tipi di richiami, tra loro chiaramente distinti: il tipico canto nuziale e uno più acuto, quando avverte l’avvicinarsi di un pericolo.

Molto diffusa è la caccia alla beccaccia: molto appetibili sono le sue carni e le piume, di cui diversi pittori si servono per dipingere.

Distribuzione e Habitat

La beccaccia è diffusa soprattutto nei territori euroasiatici: in Europa si trova in tutte le regioni, comprese le isole britanniche e quelle atlantiche, mentre in Asia è possibile avvistarla anche nei territori più remoti della Cina, del Tibet e della Mongolia. In Italia giunge per lo svernamento, nidifica sulle Alpi e sugli Appennini.

Abita boschi di querce, frassini, betulle, castani, larici, faggi e ontani e predilige i terreni cespugliosi e con un fitto sottobosco, che sia umido e ricco di foglie ed erbe.

Abitudini e Alimentazione

La beccaccia ha abitudini crepuscolari: dopo il tramonto va alla ricerca di cibo, mentre durante il giorno preferisce restarsene nel nido a riposare. Si tratta di un uccello particolarmente furbo: si mimetizza, rannicchiandosi tra le foglie cadute al suolo e riesce così a sfuggire a moltissimi predatori, servendosi anche dei sensi molto sviluppati.

Trattandosi di un uccello insettivoro, la sua dieta è caratterizzata principalmente da vermi, larve e piccoli molluschi; qualche volta si nutre anche di bacche, mirtilli, chicchi di mais e semi vari. Per procurarsi il cibo, scava nel terreno umido del sottobosco utilizzando il lungo becco a punta. E’ solita ingoiare pietruzze per favorire la digestione.

Riproduzione

Durante la stagione degli amori, i maschi lottano tra di loro per difendere il territorio e conquistare la femmina: emette acuti fischi che hanno lo scopo di intimorire l’avversario. E’ la femmina a costruire il nido, all’interno di buche che riempie con foglie secche, fili d’erba, ramoscelli e tutto ciò che riesce a renderlo più confortevole. Sceglie luoghi isolati, dove la minaccia di predatori non è eccessiva.

In seguito, la femmina depone uova grandi e lisce: l’incubazione dura 3 settimane circa. I piccoli vengono poi nutriti e accuditi da entrambi i genitori.