Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Dom08202017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

La ghiandaia

GHIANDAIA

La ghiandaia, conosciuta dagli esperi anche col nome di garrulus glandarius, è un uccello che appartiene alla famiglia dei Corvidi e all’ordine dei passeriformi.

La ghiandaia raggiunge una lunghezza di 34 cm circa, con un’apertura alare di 53 cm e un peso che si aggira intorno ai 170 g. Il dorso è bianco, mentre il piumaggio assume tonalità che va nel marrone e nel rosso, le penne delle ali sono blu con i contorni neri. Esistono due sottospecie: la garrulus g. cervicalis della Tunisia e dell’Algeria, e la garrulus g. atricapillus presente in Crimea, Turchia e Tunisia.

Distribuzione e Habitat

La ghiandaia è diffusa in Europa, in Africa e in Asia, in particolare nella Repubblica popolare cinese fino in Giappone. In Italia si trova lungo tutta la penisola, ovunque trovi disponibilità di ambienti atti alla riproduzione, fino a 1700-1800 m: ad esempio è più frequente lungo la fascia prealpina e la catena appenninica, dove la copertura boschiva è maggiore, molto più limitata nella Pianura Padana e nel Salento.

Come habitat, quest’uccello sceglie le foreste, soprattutto foreste cedue e miste, ma anche foreste sempreverdi. E’ possibile avvistarla anche nei giardini e nei parchi vicini alle foreste; in periodo non riproduttivo visita anche le zone di aperta pianura, non allontanandosi però mai troppo dal bosco. Se i luoghi scelti sono poveri di cibo e dalle temperature troppo rigide, emigra verso territori più miti.

Abitudini e Alimentazione

La ghiandaia predilige voli in solitaria, o al massimo in piccoli gruppi, ma non in stormi. Il suo richiamo frequente è uno stridio gracido e inaudibile, o un canto sommesso; quest’uccello è in grado di imitare le voci dei suoi simili o qualsiasi altro rumore. Oltre a volare, saltella sul terreno, ma in modo piuttosto impacciato.

La ghiandaia è d’indole timida e particolarmente schiva: di solito evita l’uomo, ma se lasciata tranquilla, può abituarsi alla compagnia umana.

Si nutre di ghiande, semi, frutti, piccoli invertebrati o persino vertebrati di piccole dimensioni e resti di altri animali. In inverno raccoglie ghiande, fagioli, noci e castagne e nasconde le sue provviste nella corteccia degli alberi, nei ceppi o nel suolo del sottobosco; grazie alla sua buonissima memoria visiva, è in grado di ricordare il punto esatto in cui ha in precedenza nascosto del cibo. E’ in grado di trasportare in gola fino a 9 ghiande.

Riproduzione

La ghiandaia è una specie monogama: i due compagni restano fedeli all’altro per tutta la vita e non solo per il periodo dell’accoppiamento. Durante l’inizio del mese di aprile, l’uccello costruisce il nido tra gli alberi della foresta, in genere a un'altezza di 2 metri o poco più. Il nido viene fatto con sterpi, rami e fili di fieno, all’interno vengono poste radici sottili e muschio.

La femmina depone dalle 5 alle 7 uova di colore grigiastro, con macchie marroni; durante il periodo della cova, che va dalla fine di aprile al mese di giugno, la coppia si alterna per circa 3 settimane. I piccoli restano nel nido per 20 giorni.