Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Gio08172017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

La macrochelodina rugosa

macrochelodina rugosa

La macrochelodina rugosa è una tartaruga appartenente alla famiglia delle Chelidae e non presenta nessuna sottospecie.

La macrochelodina rugosa può raggiungere i 30 cm di lunghezza, a parte il collo che arriva a misurare circa 20 cm, ma se tenuta in cattività, le sue dimensioni sono decisamente più contenute; il carapace è appiattito e ha forma ovale, di colore marrone chiaro o più scuro in alcuni esemplari. Sia la testa sia il collo, particolarmente lungo, sono di tonalità grigie o marroni e mostrano dei disegni reticolati.

Fortunatamente, non si tratta di una specie inserita nella lista degli animali a rischio: ora viene venduta senza problemi.

Distribuzione e Habitat

La macrochelodina rugosa si trova nella costa meridionale della Nuova Guinea, in quella settentrionale dell’Australia, nell’isola di Torres Strait, Capo York, Nuovo Galles e in alcune zone di Irian Jaya. Come habitat, predilige corsi d’acqua, a patto che non siano molto profondi, i fiumi, le lagune e le paludi che presentano vegetazione acquatica e che abbiano fondali particolarmente sabbiosi e fangosi.

Abitudini

Questa specie di tartaruga ha abitudini diurne, anche se in natura può essere vista andare alla ricerca di cibo anche durante il crepuscolo. E’ un genere acquatico, per cui è un’abile nuotatrice e raramente si trova sulla terraferma, eccetto quando desidera esporsi al sole o nel momento in cui la femmina deve deporre le uova.

Non si tratta di un esemplare aggressivo: se infastidita o minacciata, reagisce sbuffando e gonfiando il collo, così da spaventare eventuali aggressori, o anche emettendo un liquido maleodorante, peculiarità che però perde se si trova in cattività. La macrochelodina rugosa sfrutta il suo lungo collo anche per cacciare, tecnica che può essere paragonata a quella di un serpente.

Alimentazione

Si tratta di un esemplare carnivoro, per cui si nutre principalmente di pesci di acqua dolce come trote, alborelle, ma anche d’insetti quali grilli e lombrichi, di girini, piccoli crostacei e molluschi. In rare occasioni, si ciba anche di piante acquatiche.

Riproduzione

La macrochelodina rugosa raggiunge la maturità sessuale introno ai 5 anni. Durante il mese di maggio, la femmina depone dalle 4 alle 18 uova che si schiudono dopo circa 3 mesi a una temperatura di circa 29 o 30° C.

 La macrochelodina rugosa in cattività

Questo esemplare di tartaruga ha bisogno di un ampio acqua terrario: il livello dell’acqua può essere abbastanza profondo, essendo la macrochelodina rugosa un’ottima nuotatrice, a delle temperature che va dai 24°C ai 29°C; l’area emersa dovrà essere costituita da sassi non taglienti, tronchi o anche da corteccia di sughero, mentre il fondale dovrà essere sabbioso. Sarebbe opportuno non abbellire l’acqua terrario con troppi gingilli poiché potrebbero rappresentare un pericolo per il collo lungo e delicato della tartaruga.  Poiché si tratta di una specie sensibile a malattie cutanee, l’ideale sarebbe aggiungere 5 o 6 grammi di sale marino per ogni litro di acqua.

In molti scelgono di allevare la macrochelodina rugosa all’aperto, più precisamente in piccoli laghetti artificiali; si consiglia di farlo solamente durante i mesi più caldi, ovvero tra maggio e settembre.