Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Gio06292017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

La micosi nei cani

Micosi Cani

La micosi, causata da alcuni funghi, è una malattia molto diffusa a causa dell’estrema facilità di contagio: avviene non solo per contatto diretto, ma anche mediante oggetti o indumenti.

La micosi non è una malattia mortale, a patto che non sopraggiungano ulteriori complicazioni. La patologia si suddivide in: micosi superficiali e micosi profonde. Le prime, conosciute anche col nome di dermatofitosi, sono quelle più comuni; inizialmente, si manifestano con la comparsa di un cerchio rosso sulla pelle dell’animale che man mano si espande, danneggiando il pelo, lo strato più esterno della cute e le unghie. La zona interessata può essere ricoperta da pustole e il cane avvertirà un forte prurito.

Le micosi profonde sono più rare, ma più pericolose: i funghi arrivano a compromettere gli organi interni dell’animale e persino le ossa. Sono più comuni in cani con difese immunitarie deboli.

Se non curate, possono diffondersi in tutto il corpo e provocare ulcere e noduli e in casi più gravi, anche la morte.

Diversi tipi di micosi

Esistono diversi tipi di micosi: la più comune è la tigna, in altre parole una malattia che colpisce soprattutto i cuccioli e che può essere trasmessa con facilità anche all’uomo. Essa provoca alopecia e desquamazione e frequentemente vi è la comparsa di croste, eritemi o deterioramenti delle unghie; il cane affetto da tigna è letargico, manifesta alterazioni dell’umore e poca vivacità.

Un altro tipo di micosi è l’aspergillosi, originata da funghi del genere aspergillus: può essere generalizzata o circoscritta alle vie respiratorie, al nasi e ai seni nasali. E’ caratterizzata dalla presenza di muco eccessivo e di lesioni al tartufo: i cani con nasi più ampi sono particolarmente predisposti al contagio. In caso di diffusione della malattia a tutto il corpo, vi è l’insorgenza di febbre, dolori ossei, anoressia, letargia, e nei casi più gravi anche paralisi.

Precauzioni e Cura

E’ indispensabile per il cane, affinché non contragga la malattia, avere ottime difese immunitarie e quindi seguire una dieta sana ed equilibrata. E’ necessario, inoltre, controllare periodicamente il pelo dell’animale e assicurarsi che non presenti alterazioni cutanee; se ciò dovesse accadere, bisognerà rivolgersi ad un veterinario.

La terapia per la cura della micosi è piuttosto lunga, ma è importante seguirla fino alla completa guarigione dell’animale così da evitare casi di recidiva. Vi sono, secondo la gravità, terapie topiche o sistematiche o combinazioni di entrambe: la prima riguarda l’applicazione di prodotti specifici, a base di itraconazolo, ketoconazolo, enilconazolo e miconazolo, ed è specifica per la micosi localizzata; la seconda prevede la somministrazione di farmaci a base di griseofulvina o di itraconazolo, ed è indicata in caso di micosi generalizzata.

Oltre alla cura del cane, è consigliabile disinfettare la casa e l’ambiente in cui vive l’animale, dedicandosi a una meticolosa pulizia della cuccia, dei tappeti e delle coperte. Durante il trattamento è importante mantenere ben pulito e pettinato il pelo del cane e, in caso di razze a pelo lungo, sarà utile la tosatura in modo da velocizzare il processo di guarigione.