Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Gio12142017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

La Murena

Murena

La Muraena helena, meglio conosciuta col nome comune di Murena mediterranea, è un pesce d'acqua salata appartenente alla famiglia delle Muraenidae. La si può trovare soprattutto nel Mar Mediterraneo, ma anche nell'Atlantico orientale a partire dal sud dell'Inghilterra fino al Senegal, includendo le zone costiere di Azzorre, Madera, Isole Canarie e Capo Verde.

Ha la forma di un serpente e le mascelle, pur mostrandosi apparentemente sottili, sono in realtà molto forti e si allargano oltre l’occhio, che si presenta piccolo e dalla forma circolare. E’ caratterizzata da una pinna dorsale bassa che parte dal capo fino ad arrivare alla caudale e poi alla ventrale, mentre non possiede nessuna pinna pettorale. La pelle appare liscia e ricoperta di muco, nessuna scaglia su di essa.

La Murena è in genere di colore marrone scuro, ma la sua pelle risulta picchiettata di alcune macchie irregolari gialle o anche biancastre sulla parte anteriore del corpo, mentre su quella posteriore queste macchie assumono una forma lievemente più regolare. Una macchia di colore nero, invece, circonda le branchie.

Solitamente, quest’esemplare può raggiungere una lunghezza di metro e mezzo e un peso che può anche superare i 15 kg.

Il morso della Murena

E’ credenza comune che il morso delle Murena sia particolarmente velenoso, in realtà c’è bisogno di fare alcune precisazioni: la saliva di questo esemplare di acqua salata contiene una tossina nociva, che però è termolabile, ovvero resa innocua dal calore; ciò che effettivamente può causare infezioni, in seguito ad un morso, sono i residui di origine animale che rappresentano un terreno di coltura per microorganismi. Ciò che dovrebbe effettivamente spaventare, al di là della possibile infezione, è il terribile dolore provocato dai denti particolarmente lunghi e acuminati che causano vaste lacerazioni che si rimarginano lentamente.

C’è da dire, però, che si tratta di un pesce molto schivo e solitario, che attacca l’uomo solamente se infastidito o nel caso in cui si senta minacciato. Tuttavia, se inseguito o disturbato nella quiete della propria tana, si mostrerà parecchio aggressivo e feroce e non si farà nessuno scrupolo ad utilizzare i suoi affilatissimi denti aguzzi.

Dove vive?

La Murena predilige scogliere superficiali, amando strisciare sia in pochi centimetri di fondo, sia in fondali rocciosi a grandi profondità, basta che vi siano massi, spaccature, picchi di pietra rosi dalle correnti, tutto ciò in cui può trovare un adeguato rifugio. Non rifiuta nemmeno i deserti di fango ricoperti di detriti, dal momento che è in grado di trovare riparo anche lì.

Anche i relitti delle navi o di anfore antiche l’attirano: qui vi costruisce la tana ideale, facendone la sua dimora per molto tempo. Spesso sceglie anche labirinti che sono però inaccessibili al subacqueo, obbligato a fermarsi sulla soglia, senza la possibilità di scovarla.

Alimentazione e riproduzione

La Murena caccia soprattutto durante la notte, lasciandosi guidare dal senso dell’olfatto: si ciba in particolar modo di seppie e polpi, pesci e cefalopodi, che attacca con estrema violenza.

La riproduzione di questi esemplari avviene durante il periodo invernale, in cui vengono deposte uova pelagiche: la larva è un leptocefalo.