Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Dom10222017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

La nutria

nutria

La nutria, nome scientifico myocastor coypus, è un roditore appartenente alla famiglia Myocastoridae e unica specie vivente del genere Myocastor.

La nutria è un roditore di notevoli dimensioni che può arrivare a pesare anche 10 kg: i maschi sono più grandi delle femmine. Il corpo è tozzo e robusto, la testa è larga e di forma triangolare, le orecchie e gli occhi sono alquanto piccoli; sul muso ha lunghe vibrisse. Gli arti sono piuttosto corti e i piedi sono dotati di 5 dita di cui 4 legate tra loro da una membrana cutanea. La coda è di forma cilindrica e ricoperta di peli e scaglie.

E’ ricoperto da una pelliccia di colore scuro, con sottopelo soffice e folto; la zona ventrale è più chiara e meno ruvida. La nutria espelle una secrezione oleosa, utilizzata per lubrificare il pelo e probabilmente anche per marchiare il territorio.

In passato, la nutria era cacciata per la sua pelliccia o anche per la sua carne; in molti, nei giorni nostri, la considerano una minaccia: le tane che costruisce danneggiano dighe e sistemi di irrigazione, senza contare le sue irruzioni in risaie e altre colture. È stata inserita, difatti, nell'elenco delle 100 tra le specie invasive più dannose al mondo.

E’ predata da diversi animali: dallo sciacallo dorato, dal lupo grigio, dal gatto della giungla, dal giaguaro, dal puma, dall'ocelot, dal gatto tigre, dalla volpe rossa, dall'ermellino, dalla poiana, dal falco di palude, dall’allocco e dal caimano.

Distribuzione e Habitat

La nutria è originaria del continente sud-americano, dal Paraguay e dalla Bolivia centrale e meridionale fino alla Terra del Fuoco. In Italia è diffusa soprattutto nella pianura padana, in Abruzzo e sul versante tirrenico fino al Lazio, ma anche in Campania, Sicilia e Sardegna.

Predilige le pianure, ma non è raro trovarla anche sulle Ande, fino a 1190 metri; vive nei pressi dei corsi d’acqua, di laghi e acquitrini.

Abitudini e Alimentazione

La nutria ha abitudini crepuscolari, ma può essere avvistata anche di giorno, soprattutto nei periodi più freddi. Vive in piccoli gruppi formati perlopiù da femmine, mentre i maschi preferiscono una vita più solitaria. Come rifugio, è solita utilizzare tane di altri animali oppure scava cunicoli che si estendono anche per 15 metri. Trascorre la maggior parte del tempo a nuotare, restando sott’acqua anche per più di 10 minuti.

Si tratta di un roditore prettamente vegetariano: si nutre principalmente di radici, tuberi e rizomi; ama le piante acquatiche, di cui riduce la presenza.

Riproduzione

La nutria può riprodursi durante tutto l’anno: la gestazione dura circa 130 giorni, al termine dei quali nascono in media 5 cuccioli del peso di 225 g circa. I piccoli sono completamente ricoperti di pelo e hanno già gli occhi aperti; già a soli 5 giorni di vita, sono in grado di sopravvivere senza le cure materne, ma in genere restano con la madre fino a 10 settimane. Il tasso di mortalità dei cuccioli è piuttosto alto: in pochi raggiungono i 2 o i 3 anni di vita.