Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Dom12172017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

La rana golia

Rana Golia

La Conraua goliath, comunemente conosciuta come rana golia,  un anfibio della famiglia Conraua che vive nelle zone costiere, equatoriali della Guinea e del Camerun, in Africa occidentale.

Le rane golia si trovano con maggior facilità nelle zone dove i fiumi scorrono rapidamente, in prossimità di cascate, nelle aree umide delle foreste pluviali dove le temperature sono relativamente alte.

Le rane golia sono le più grandi rane che vivano sulla terra. Hanno una lunghezza complessiva variabile tra i 17 e i 32 centimetri per un peso compreso tra i 600 grammi e i 3,3 chilogrammi. Il corpo di questi anfibi è ampio e appiattito, la loro testa è triangolare e la pelle, sulla parte dorsale del corpo, è composta da granuli di color verde o marrone, mentre nella zona ventrale è verde o giallo chiaro. Le zampe posteriori di questi animali sono lunghe mentre quelle anteriori sono più brevi e robuste. Tutti e quattro i piedi dell’animale sono palmati e posseggono degli occhi molto grandi che possono raggiungere i 2,5 centimetri di diametro date le loro abitudini notturne.

Questi grandi anfibi sono più attivi durante la notte e vanno alla ricerca di cibo lungo il corso dei fiumi. Le rane golia quando sono ancora giovani trascorrono la gran parte del loro tempo sott’acqua mentre gli esemplari adulti di tanto in tanto si stanziano sulle rocce.

Questa specie di rane quando sono adulte si nutrono di insetti, crostacei, pesci, molluschi, piccoli mammiferi e altri anfibi, tra cui tritoni, salamandre e rane più piccole. I girini delle rane golia, invece, sono vegetariani e si nutrono solo di una pianta acquatica che si trova solo nei pressi di cascate e ruscelli.

La pelle dorsale di color bruno verdastro delle rane golia li rende animali atti alla mimetizzazione, riescono a nascondersi in maniera perfetta tra le rocce coperte di muschio umido e quindi non vengono predati con molta facilità. Solo gli esseri umani sono ascrivibili come predatori per queste grandi rane anche se on è da escludere la possibilità che ne esistano di altri.

Le rane golia non hanno sacche vocali e sono spesso considerati mute anche se sono in grado di emettere un fischio lasciando la bocca aperta per richiamare i compagni sessuali.

Poco si sa circa i sistemi di accoppiamento di queste rane. Dalle poche ricerche effettuate in merito si può affermare che le rane golia di sesso maschile eseguono rituali di richiamo in maniera differente rispetto alla gran parte delle rane esistenti. Anziché gonfiare i sacchi vocali per effettuare un forte richiamo, questi esemplari di rane emettono un lungo fischio che viene seguito dalle femmine della specie.  

Le femmine di rana golia depongono diverse centinaia di uova alla volta che sono grandi circa 3,5 millimetri di diametro. Le uova si attaccano alla vegetazione sui fondali dei fiumi e dei torrenti in cui questi anfibi si riproducono. Una volta schiuse, le uova danno vita a dei girini che crescono di circa 5 centimetri di lunghezza nei 75-90 giorni successivi. Non esistono informazioni circa la stagionalità o la frequenza dell’ accoppiamento, tanto meno rispetto al periodo della vita di questi animali entro il quale raggiungono la maturità sessuale.

La durata della vita delle rane Golia non è ben documentata, anche se gli esemplari in natura sembrano vivere più a lungo rispetto a quelli mantenuti in cattività.