Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Sab11182017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

La rana nasuta

rana nasuta

La Megophrys nasuta (anche nota come Megophrys montana), comunamente conosciuta come rana nasuta, è un anfibio appartenente alla famiglia dei Megophryidae, che vive nelle foreste del sud-est asiatico, popolando la zona dalle pendici dell'Himalaya all’arcipelago indo-australiano.

La Megophrys nasuta preferisce gli ambienti ampi, umidi e freschi; la temperatura ottimale per lei è compresa tra i 22 e i 24 gradi e si stanzia, solitamente, in prossimità di piccoli corsi d’acqua.

La rana nasuta è un animale perfettamente adattata all’ambiente che la circonda. Il suo colorito grigiastro, che diventa poi color ruggine o marrone, la rende quasi invisibile tra le foglie e il terreno. La pelle di questo animale è liscia e si modifica col tempo per far sì che somigli alle foglie morte sul suolo nelle foreste.

Si tratta di una rana tarchiata che possiede braccia e gambe anche troppo esili e deboli rispetto alle complessive dimensioni dell’animale. Queste rane posseggono una enorme testa spigolosa e delle estensioni altrettanto spigolose sull’arcata sopracciliare che sormontano gli occhi e l’area nasale. La testa è più larga dell’interno corpo e risulta relativamente piatta. La rana nasuta possiede delle pieghe sottili che corrono lungo tutta la schiena che le aiutano nella mimesi e utilizzano dei richiami durate le ore tarde del giorno.  

Le femmine risultano più grandi dei maschi e alle volte possono essere il doppio in dimensioni rispetto ai loro compagni. Gli esemplari di sesso femminile sono lunghe poco più di 13 centimetri.

Queste rane utilizzano il loro aspetto, che le fa assomigliare a delle foglie, per mimetizzarsi e per passare inosservate nel sottobosco quando sono immobili. Nonostante siano degli animali che si nascondono ai predatori, sono dei predatori che cacciano in maniera “esplosiva” saltando sulla preda per poi inghiottirla immediatamente.

La rana nasuta è un predatore feroce e utilizza la sua colorazione e l’aspetto insolito per predare rapidamente animali ignari che vivono sul terreno delle foreste. In genere, questi anfibi si nutrono di aracnidi, roditori, lucertole e altre piccole rane.

Poche informazioni sono disponibili sulla riproduzione naturale di queste rane, ma la riproduzione in cattività è abbastanza comune. Le rane nasute sono animali ovipari e le femmine assicurano le loro uova tra le rocce e i tronchi che vengono spazzati dall’acqua e poi vengono parzialmente o completamente sommersi da essa. Se le uova vengono sommerse o toccano l’acqua, i girini appena nati sono in grado di raggiungere l’acqua immediatamente e iniziare la loro vita nel loro habitat acquatico.

Le uova quando vengono deposte sono grandi e relativamente poco numerose. Le larve risultano allungane con una grande bocca a forma di imbuto. Questa grande bocca è funzionale per la loro alimentanzione: infatti, i piccoli posizionano la grande bocca verso la superficie mentre il corpo rimane perpendicolare alla superficie dell’acqua e si nutrono di microrganismi che si raccolgono sul pelo dell’acqua.

La perdita e la frammentazione degli habitat dei questa specie di rana sono le principali minacce alla sua sopravvivenza. Inoltre, le rane nasute, spesso vengono raccolte per essere vendute come animali domestici sia nelle aree nazionali che internazionali e ciò potrebbe influenzare il numero degli esemplari presenti in natura.