Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Dom06252017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

La tartaruga maculata

Tartaruga Maculata

La tartaruga maculata, conosciuta da alcuni col nome di clemmys guttata, appartiene alla famiglia delle Emydidiae: non comprende sottospecie.

La tartaruga maculata è considerata la specie acquatica più piccola che esista: sia il maschio sia la femmina, raggiungono i 12, 5 cm circa. Il carapace è liscio e mostra una colorazione molto particolare: sul fondo nero vi sono alcuni punti gialli, posti in maniera apparentemente causale ma che in alcuni esemplari sembrano seguire una disposizione quasi geometrica. Il piastrone è di tonalità rosea o arancio, con macchie scure piuttosto estese; la testa è scura e anche su di essa vi sono puntini gialli. Le zampe sono rivestite da uno strato di pelle di colore nero e arancio, oltre a diversi puntini più piccoli. La coda, che differisce tra maschi e femmine per quanto riguarda le dimensioni, è di colore rosa e nero.

Arriva alla maturità sessuale una volta raggiunte le dimensioni di circa 9 cm e un'età variabile dai 7 o 10 anni.

Il dimorfismo sessuale non è particolarmente marcato: le femmine hanno dimensioni leggermente più grandi e una colorazione più chiara, oltre ad un piastrone piatto così da avere spazio sufficiente per contenere le uova.

La tartaruga maculata può essere commercializzata nella Comunità Europea.

Distribuzione e Habitat

La tartaruga maculata è diffusa dal Canada meridionale fino alla parte settentrionale della Florida. Come habitat, predilige zone melmose, paludi, boschi allagati, corsi d'acqua con deboli correnti, stagni ricchi di vegetazione sommersa e piante galleggianti. Non è raro che trascorra lunghi periodi sulla terraferma, naturalmente in zone paludose e umide. Non è una buona nuotatrice, per cui è molto difficile ritrovarla in acque molto profonde.

Abitudini e Alimentazione

Questa particolare specie ha un’indole schiva: preferisce trascorrere la maggior parte del tempo nascosta nel fango, al sicuro da possibili aggressori; non disdegna, in ogni caso, l’esposizione al sole. Rispetto ad altre tartarughe, tollera meglio le basse temperature per cui non ha problemi a ritardare il letargo che cade a novembre e si protrae sino alla fine del mese di febbraio. In genere, caccia di mattina o durante le ore serali.

Si tratta di una specie onnivora, pur preferendo gli alimenti di origine animali: in natura è solita cibarsi di tutto ciò che riesce a catturare sia in acqua sia in terra, in altre parole pesci, insetti, molluschi, vermi, girini, piante acquatiche e piante sommerse.

Nel caso in cui viva in cattività, è importante che la sua dieta sia parecchio varia: può nutrirsi di pesce, crostacei, girini, insetti, lombrichi, chiocciole, camole della farina, camole del miele, ma anche frutta e vegetali di ogni tipo, tra cui il trifoglio, tarassaco e cicorie varie.

Riproduzione

La stagione degli amori per la tartaruga maculata avviene durante la stagione primaverile, e l’accoppiamento è preceduto da un particolare rituale di corteggiamento.  Dopo circa 40 o 50 giorni, la femmina depone dalle 3 alle 9 uova, in un luogo esposto al sole e appartato; il periodo d'incubazione varia dai 60 agli 80 giorni ad una temperatura che va tra i 28° e i 32°C. I piccoli, appena nati, sono piccolissimi: circa 2 cm.