Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Mar09192017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

La Terra di Hope e il nuovo progetto in ospedale

la terra di hope

Nel comune di Mira, in provincia di Venezio, Fiorenza Scagnetto ha costruito, su tre ettari di terreno, la Terra di Hope, un luogo dove cani e cavalli trovano rifugio e trovano nuova vita.

Fiorenza Scagnetto, laureata in ingegneria edile, ha nel cuore la passione per i cavalli e dopo la laurea decide di lavorare con gli animali.

Nel 2008 inizia ad a praticare le tecniche etologiche di comunicazione tra cavallo e uomo e fa diversi stage.

La donna fonda la Horsemanship Academy Onlus e nel 2009 comincia a praticare il recupero psichico e fisico dei cavalli sportivi occupandosi anche della riabilitazione equestre in generale.

Tecnico della riabilitazione equestre e tecnico di equitazione per persone con disabilità oramai, incontra una giovane pony destinata alla macellazione e la porta via con sé. La cavalla Shetland, di nome Hope, da il nome al grande progetto di Fiorenza Scagnetto: La Terra di Hope.

La Terra di Hope non è un maneggio ma è una vera e propria casa per cavalli e uomini che abbiano il desiderio di condividere qualcosa.

Nonostante il numero dei cavalli alla terra di Hope aumenti, Fiorenza non si ferma e il centro è diventato un punto di riferimento, di incontro e riflessione in merito a tutte le medicine alternative e il vegetarianesimo.

Durante tutto il corso dell’anno si organizzano eventi e ben presto hanno inizio anche attività che coinvolgono i cani. Corsi di formazione, campi cinofili e pet therapy trovano il loro spazio e da qualche mese è iniziata una collaborazione con il Policlinico San Marco di Mestre.

Al policlinico, nell’hospice, Fiorenza e Francesca Frezzato, sua collaboratrice, presta servizio una volta la settimana insieme a Mia, Golden retriever, Blue e Welcome Little Blaky, due pastori tedeschi.

La sperimentazione, durata qualche mese, ha avuto termine e il 15 dicembre il progetto è entrato a pieno regine nel corso della routine ospedaliera.

Per maggiori informazioni: http://www.laterradihope.it/