Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Mer08232017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

La vipera della morte

ViperaDellaMorte

La vipera della morte, nome scientifico acanthophis antarcticus, è tra i serpenti più velenosi al mondo. Nonostante il nome e l’aspetto, non è propriamente una vipera ma un elapide.

L’aspetto di questo serpente ricorda quella di una vipera: ha una testa grossa e appiattita, dalla forma triangolare e distinta dal collo che si presenta più stretto; possiede una scaglia sub oculare e una sopra oculare che sporgono simili a un piccolo corno, gli occhi hanno la pupilla verticale ellittica. Le zanne sono lunghe più di 6 millimetri.

A differenza delle vipere, tuttavia, il corpo è tozzo e corto: misura 0,3-1 m; la coda termina in quella che sembrerebbe una spina tagliente e ricurva. E’ ricoperto di scaglie lucide: ve ne sono 19-23 dorsali, 110-170 ventrali, una anale, e 35-65 sottocaudali. Il colore varia: va dal rossastro al marrone, al verdastro, al grigio, all'ocra e al ruggine; sono presenti strisce trasversali chiare e scure sul dorso; la coda è nera oppure color crema.

Il nome acanthophis significa serpente spinoso, e deriva dalla presenza di una squama appuntita e affilata sulla coda, mentre l’appellativo antarcticus, probabilmente, si deve al fatto che il sud dell'Australia affaccia direttamente verso il polo sud.

Distribuzione e habitat

La vipera della morte è diffusa nelle regioni del sud dell'Australia e sulla costa dell'Est, inclusa parte del Queensland fino al Barkly Tableland nei Territori del Nord.

Vive in praterie, distese di ciperacee, boscaglie, foreste e giungle, ma anche presso scarpate o scogliere e qualche volta è stata avvistata nelle piantagioni di caffè; non ama le zone fredde.

Abitudini e Alimentazione

La vipera della morte preferisce spostarsi di notte e non ama per niente gli ambienti antropizzati; ha un’indole piuttosto schiva, ma se disturbata non tende a scappare, preferendo attaccare. E’ un animale oviparo e dà alla luce dai 2 agli 8 piccoli.

Si nutre di piccoli mammiferi e uccelli, e in cattività è stato riscontrato un caso di cannibalismo. Quest’elapide piuttosto che andare a caccia, attende che siano le prede a venire da lui mentre è perfettamente mimetizzato col terreno e agita la coda che emette un lieve rumore, attirando l’attenzione della vittima. Quando questa è abbastanza vicina, la morde, stringendola finché non è morta.

Morso e Veleno

Il morso della vipera della morte è particolarmente doloroso, viste le lunghe zanne e la potenza della mascella. Il veleno è di tipo neurotossico postsinaptico e non contiene né componenti emotossiche né miotossiche: agisce fermando i processi sinaptici, rendendo l'acetilcolina non più disponibile al sistema nervoso parasimpatico, e generando una parestesia che progredisce in paralisi flaccida e che può portare a un blocco respiratorio totale.

Prima che negli anni ’50 fosse scoperto un antidoto al veleno, i casi di morte per il morso di quest’elapide erano abbastanza numerosi: si trattava di un animale particolarmente temuto in tutta l’Australia e per questa ragione gli fu attribuito l’appellativo di vipera della morte. A oggi, è comunque tra i serpenti più pericolosi al mondo, data la potenza del morso e l’efficacia del veleno.