Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Mar09262017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

Lo gnu

gnu

Lo gnu, conosciuto anche col nome scientifico di connochaetes taurinus, è un ungulato di grosse dimensioni che appartiene alla famiglia bovidae.

Lo gnu raggiunge i 2,5 m di lunghezza, per un peso di 270 kg e un’altezza al garrese di 1,4 m; il maschio è più grosso e più robusto della femmina. Sulla testa ha grandi corna inclinate in avanti che curvano verso l’altro e verso l’interno, in una forma caratteristica simile a una parentesi: nel maschio arrivano a misurare 90 cm, circa metà nella femmina.

Il manto è di colore marrone negli esemplari giovani, mentre in quelli adulti assume una tonalità grigio bluastra o grigio-marrone, i fianchi e il dorso sono appena più chiari; sul collo e sulla parte anteriore del corpo vi sono delle striature marrone scuro, il muso e la coda sono neri.

Gli gnu sono una delle maggiori prede dei grandi predatori della savana: parliamo in particolare di leoni, ghepardi, leopardi e iene; molto spesso, quando i branchi attraversano i corsi d’acqua, sono attaccati anche dai coccodrilli.

Diffusione e Habitat

Lo gnu è assai diffuso nelle regioni dell’Africa orientale e meridionale: si trova in Tanzania, Kenia, nello Zimbabwe. Come habitat predilige la savana, ambienti non troppo umidi o troppo aridi, e si raduna sempre in luoghi che non si trovino a più di 20 km dall’acqua.

Abitudini e Alimentazione

Lo gnu è un animale gregario: ama spostarsi in branchi che contano dai dieci alle migliaia di esemplari. Questi gruppi possono essere caratterizzati sia da un maschio dominante o costituiti da sole femmine e soli maschi; non è raro che lo gnu formi branchi con altre specie, come le zebre della prateria.

Si tratta di animali molto territoriali: marca il proprio territorio con feci, con secrezioni delle ghiandole preorbitali, ghiandole odorifere situate sugli zoccoli, o anche lasciando orme sul terreno. Lo gnu difende i propri spazi emettendo forti grugniti e agitando le corna, dando l’impressione al rivale di voler attaccare, ma raramente si giunge a uno scontro vero e proprio.

Può difendere il territorio anche esibendo una serie di posture e comportamenti che servono per avvertire gli altri maschi e indurli alla fuga. Si ciba principalmente dell’erba della savana.

Riproduzione

La stagione degli accoppiamenti va da marzo ad aprile, sul finire della stagione delle piogge: il maschio dovrà conquistare un proprio territorio, attirandovi la femmina e quindi riprodursi.

La gestazione dura 8-9 mesi, al termine della quale nasce un solo cucciolo. Questi è da subito in grado di reggersi sulle proprie zampe e persino di correre dopo poche ore dal parto: sin da piccolo, lo gnu impara a correre a gran velocità, essendo una delle prede preferite dei leoni e di molti altri predatori della savana; una volta adulto, infatti, è in grado di spostarsi a velocità che raggiungono gli 80 km/h in caso di fuga da un qualsiasi pericolo. Nei branchi più numerosi il piccolo ha più possibilità di sopravvivenza; resta con la madre per molto tempo e viene allattato anche per un anno intero.