Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Mar10162018

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

Lo sparviero

Sparviero

Lo sparviero, conosciuto dagli esperti col nome di accipiter nisus, è un rapace diurno appartenente alla famiglia degli Accipitridae e all’ ordine dei Falconiformi.

Si tratta di un uccello dal volo rapido benché le sue ali siano corte e arrotondate; al contrario, sul terreno i suoi movimenti sono saltellanti e denotano un certo impaccio. Ha una lunga coda; il corpo è sottile, lungo più di 30 cm con un’apertura alare di 70 cm, ha la testa piccola e il becco ricurvo, inoltre possiede dita sottili e unghie forti. Vi è una differenza di dimensioni tra il maschio e la femmina: il corpo di quest’ultima è decisamente più lungo, così come maggiore è l’apertura alare.

Negli esemplari adulti il piumaggio è di color cenere nelle parti superiori, bianco con striature ruggine in quelle inferiori, mentre sulla coda vi sono alcune fasce nere ed un’estremità bianca; azzurro è il becco, mentre sia le zampe che gli occhi sono gialli. Gli sparvieri giovani sono per lo più grigi e bianchi.

Distribuzione ed Habitat

Il rapace è diffuso in quasi tutta l’Europa, ma lo si può trovare anche nell'Asia centrale, mentre durante le migrazioni invernali, l’uccello si sposta in India e nell'Africa settentrionale. Predilige regioni montuose e abita per lo più i boschi poco fitti.

Abitudini e Alimentazione

Lo sparviero è un rapace territoriale: si esibisce in voli in cui mostra le penne bianche del sottocoda, allontanando gli altri uccelli. Quando avvista una preda, nascosto tra gli alberi, spicca un volo basso facilitato dalle corte e arrotondate ali, così da non perderla mai di vista ed è in grado di cambiare improvvisamente la direzione del volo così da disorientare la vittima, afferrandola poi e portandola in una zona riparata, così da cibarsene: priva la preda delle penne e del pelo prima di divorarla col suo becco adunco.

Si nutre di piccoli o anche grandi uccelli e di mammiferi, e in mancanza di altro anche di roditori e di insetti. Il più delle volte, le prede catturate dagli esemplari di sesso femminile sono più grosse.

Corteggiamento e Riproduzione

Il periodo dell’accoppiamento ha inizio durante la stagione primaverile: il maschio si esibisce in voli in picchiata e in acrobazie, con acuti vocalizzi, al solo scopo di corteggiare la femmina. Il nido, in genere, viene fatto su grandi alberi ben nascosti: è costituito da ramoscelli secchi e dal le piume dello sparviero femmina. Dopo la covata, che di solito dura dai 33 ai 35 giorni e di cui si occupa solo la femmina, vengono deposte dalle 3 alle 5 uova, di media grandezza, punteggiate da macchie nere sul guscio. Entrambi si occupano di procacciare il cibo per i piccoli, ma è solo la femmina che da effettivamente da mangiare ai figli, constatazione a cui si è giunti dal momento che, se la madre cessa di vivere, i piccoli finiscono col morire di fame. Pur dopo aver lasciato il nido, i giovani sparvieri restano per molto tempo con gli adulti, raggiungendo la maturità a partire dall'età di uno o due anni.