Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Gio08172017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

Santi Serra Camps e il suo nuovo modo di addestrare i cavalli

Santi Serra Camps e Il Nuovo Modo Di Addestrare I Cavalli

Santi Serra Camps, spagnolo dell’età di 26 anni, ha partecipato a Fieracavalli a Verona il 6, il 7 e l’8 di novembre e ha stupito tutti con le acrobazie eseguite dal suo cavallo.

Il cavallo non aveva morso, briglie o sella e seguendo il frustino nelle mani del giovane, come fosse una bacchetta machina, eseguiva acrobazie dolci mentre l’addestratore era in contatto con l’animale e gli sussurrava parole all’orecchio.

Non solo lo spettacolo è stato unico per chi vi ha assistito, altrettanto unico è il modo che il giovane spagnolo utilizza per addestrare gli equini.

Lo spagnolo sostiene che i cavalli siano molto intelligenti e metodi aggressivi vengono utilizzati da addestratori che non sanno addestrare bene. Lui è un uomo che utilizza la libertà.

Il frustino, utilizzato nelle esibizioni, non è un arnese di tortura bensì un “prolungamento del braccio” dell’addestratore che sostiene che gli animali non abbiano paura della frustra in sé ma di coloro che la impugnano.

Novità è che Santi abbia trovato anche una campagna nel suo cammino assieme ai cavalli. Nicole Berlusconi (figlia di Paolo), a sua volta impegnata nella vita equestre e nella difesa di questi stupendi animali, fa coppia con l’addestratore spagnolo da un paio di mesi. È stato proprio il loro amore in comune per i cavalli e per gli animali tutti a farli incontrare.

Santi utilizza un sistema molto particolare per riportare gli animali maltrattati, picchiati e torturati ad avere fiducia nell’essere umano. Lo spagnolo fa in modo che ciò che un tempo causava dolore e sofferenze all’animale sia origine, invece, di sensazioni perfettamente opposte.

Un frustino impugnato che viaggia veloce verso il cavallo per percuoterlo può fermarsi poco prima di impattare sulla sua pelle per accarezzarla dolcemente così facendo divenire il frustino un oggetto che sia in grado di concedere un dolce tocco e non una percossa.