Animali

Il più grande portale italiano dedicato agli animali domestici

iconaAccedi
Sei un nuovo utente? Registrati

Dom11192017

Last updateSab, 31 Ott 2015 6pm

Sull'Etna gare clandestine di cavalli

Sull'Etna gare clandestine di cavalli

Tra Pedara e Nicolosi, sull’Etna, centinaia di persone assistevano a gare clandestine di cavalli per un giro di affari molto lucroso per la criminalità che le organizzava.

Alle 5 del mattino del 30 novembre 2014 è partita l’operazione degli agenti di polizia del reparto a Cavallo della questura di Catania. Gli agenti hanno fatto cessare una corsa clandestina che si svolgeva lungo la provinciale tra Pedara e Nicolosi.

Anche una squadra di cinofili e personale dell’ASP di Catania sono intervenuti trovando dinnanzi a sé un migliaio di persone lungo la Provinciale 92 che aspettavano due calessi, accerchiati da automobili e motocicli che utilizzavano apparecchi acustici rumorosi, trainati da cavalli, i quali si contendevano la vittoria della gara.

Tra l’altro, durante la corsa è avvenuto anche un sinistro in quanto la ruota di un calesse ha urtato contro quella di un motociclo causando la caduta del cavaliere di 25 anni D.G., soccorso e trasportato al Cannizzaro, dove gli sono state diagnosticate diverse fratture a una gamba.

Un altro incidente ha coinvolto un motociclo che faceva da staffetta causando il ferimento di Salvatore Pugliesi, sorvegliato speciale di P.S, che riconosciuto dagli agenti, nonostante sia fuggito su di un motociclo, è stato raggiunto e arrestato.

Il criminale è stato condotto in ospedale con un'ambulanza e gli sono stati diagnosticati traumi e gravi fratture.

Una volta conclusa l’operazione della polizia i due cavalli sono stati sequestrati e portati in delle stalle nelle quali otterranno cure e nutrimento. I calessi e le bardature sono state a loro volta sequestrate e accertamenti sulla provenienza degli animali sono in corso.

I microchip di cui gli animali sono stati trovati muniti non rispondono a nessuna possibile lettura nazionale e sono stati denunciati otto individui per maltrattamento animale e favoreggiamento.