Forum

Notifiche
Cancella tutti

Biada e Foraggio Bagnato  

  RSS
Alfredo Giarracuni
(@alfredo-giarracuni)
Reputable Member

Nel mio maneggio, abitualmente bagno mattina e sera il mio Foraggio e la Biada, in modo tale da non far fuoriuscire le bolle di surriscaldamento nel cavallo. Molte persone invece, sconsigliano di bagnare il foraggio, perchè dicono che perdono tutte le vitamine e le proteine presenti nel fieno. Mentre per quanto riguarda la Biada, anch'essa bagnata quotidianamente, consiglio che deriva dal Veterinario per far si che il cavallo riceva più "sprint" e vitamine; infatti per chi lo fa, nota che la Biada una volta bagnata si gonfia minuto dopo minuto, infatti è consigliabile lasciarla a mollo per un paio di ore. Voi cosa ne pensate?

Quota
Postato : 20/08/2012 1:23 pm
Laura
(@laura)
Estimable Member

Io le ho sempre dato fieno non bagnato... Adesso mi ahi messo la curiosità! 🙂 Ma posso provare a dargliene un po'???

La ricerca di felicità finisce quando incontri un cavallo...se poi ti rapisce il cuore e ogni tuo momento libero...è amore vero!

RispondiQuota
Postato : 20/08/2012 1:39 pm
Alfredo Giarracuni
(@alfredo-giarracuni)
Reputable Member

Laura, non un po' devi dargli tutto il fieno che gli dai completamente bagnato. Io per fare ciò, metto il Foraggio in un'ampia cariola (visto che devo sfamare 28 cavalli) e entro dentro la doccia con la cariola, apro il tubo e inizio a bagnare il fieno sino a che l'acqua non travasa dalla cariola. Dopo di che lo lasci riposare per 30 minuti ed è pronto per l'utilizzo.

RispondiQuota
Postato : 21/08/2012 12:17 am
Antonella
(@antonella)
Eminent Member

Ciao Raggio, noi non usiamo bagnare il foraggio, lo facciamo solo in casi estremi se è molto polveroso altrimenti non perchè gli togli parte del gusto.
L'avena invece la mettiamo a bagno la sera prima ed il giorno dopo la scoliamo quando dobbiamo dargliela.

RispondiQuota
Postato : 21/08/2012 6:31 pm
Alfredo Giarracuni
(@alfredo-giarracuni)
Reputable Member

Ciao Raggio, noi non usiamo bagnare il foraggio, lo facciamo solo in casi estremi se è molto polveroso altrimenti non perchè gli togli parte del gusto.
L'avena invece la mettiamo a bagno la sera prima ed il giorno dopo la scoliamo quando dobbiamo dargliela.

Ottimo per quanto riguarda l'avena, ma essendo un tipo "pignolo" in queste cose, preferisco bagnarlo il foraggio, visto che ho avuto dei piccoli inconvenienti con i surriscaldamenti da parte del foraggio, ad esempio bolle sulla groppa. Può anche essere vero che va via la maggior parte del gusto, ma preferisco prevenire.

RispondiQuota
Postato : 23/08/2012 6:51 pm
Antonella
(@antonella)
Eminent Member

Ma tu parli del foraggio "fresco" cioè appena fatto o del foraggio " stagionato"? non abbiamo mai avuto questo problema ( per fortuna)

RispondiQuota
Postato : 23/08/2012 6:56 pm
Alfredo Giarracuni
(@alfredo-giarracuni)
Reputable Member

Ma tu parli del foraggio "fresco" cioè appena fatto o del foraggio " stagionato"? non abbiamo mai avuto questo problema ( per fortuna)

Non so se è foraggio fresco o Stagionato, visto che di queste cose se ne occupa un mio amico, che mi riesce a fare uno sconto abforme. Comunque il foraggio che mi porta è verde e profuma.

RispondiQuota
Postato : 23/08/2012 7:11 pm
Antonella
(@antonella)
Eminent Member

Se è foraggio fresco cioè appena tagliato è ancora in fermentazione pertanto devi fare attenzione quando lo dai ai cavalli perchè potrebbero venirgli le coliche, bagnarlo non basta a fermare il processo, bisogna aprire le presse in modo che si asciughi, guarda te ne accorgi subito perchè al tatto lo senti caldo. Se viene imballato bene rimane verde e profumato per tutto l'anno, sicuramente è un foraggio di qualità

RispondiQuota
Postato : 24/08/2012 5:00 pm
Alfredo Giarracuni
(@alfredo-giarracuni)
Reputable Member

Se è foraggio fresco cioè appena tagliato è ancora in fermentazione pertanto devi fare attenzione quando lo dai ai cavalli perchè potrebbero venirgli le coliche, bagnarlo non basta a fermare il processo, bisogna aprire le presse in modo che si asciughi, guarda te ne accorgi subito perchè al tatto lo senti caldo. Se viene imballato bene rimane verde e profumato per tutto l'anno, sicuramente è un foraggio di qualità

Non penso che sia un foraggio fresco, anche perchè pratico questo processo da ormai 5/6 anni e nessun cavallo si è mai lamentato di coliche o cose del genere, all'incontrario se faccio il processo inverso, cioè quello di non bagnare il foraggio, sulla groppa del cavallo fuoriescono dei riscaldamenti che si manifestano sotto forma di bolle.

RispondiQuota
Postato : 25/08/2012 1:40 pm
Deathgio
(@deathgio)
Eminent Member

Io e tutta la gente che conosco il foraggio lo dà asciutto e di problemi di bolle da riscaldamento non ne ho mai sentito parlare.
Nella mia ignoranza mi spieghi cosa sono? Non dipendono dal tipo di foraggio? Non è magari solo medica?
Comunque per tornare in discussione, il fieno lo bagno quando un cavallo ha problemi respiratori. Una cavalla tossiva e allora le bagnavamo il fieno per agevolarla nella guarigione (annulli la polvere in sospensione diminuendo l'irritazione delle vie respiratorie). Ma solo in questi casi e una lavata con la canna, ma mai lasciato a mollo, anche perchè del foraggio essicato ( quindi non pieno di qualità come l'erba verde del prato) fatto bagnare a lungo rilascia parte del nutrimento che ancora preserva riducendosi a poco più di pura fibra. Questo è quanto so, ma non sono un nutrizionista che potrebbe smentirmi in tutto e per tutto, sia ben chiaro.

RispondiQuota
Postato : 04/09/2012 12:39 pm
Laura
(@laura)
Estimable Member

Io ultimamente mi sono informata su questo... e mi hanno consigliato di bagnarlo solo leggermente non metterlo proprio a mollo!!! Lo fa mio zio con il suo cavallo che ha problemi ai polmoni!!! 🙂 e comincia a tossire tantissimo con la polvere...

La ricerca di felicità finisce quando incontri un cavallo...se poi ti rapisce il cuore e ogni tuo momento libero...è amore vero!

RispondiQuota
Postato : 15/09/2012 2:12 pm
galway
(@galway)
Active Member

Ciao a tutti,
scusate il ritardo con cui rientro nella discussione ma ho avuto prima problemi tecnici con l'account e poi mancanza di tempo. Chiedevo se fosse corretto bagnare parecchio (come quasi per fare il pastone) il mangime per un cavallo. Il mio cavallo ha rischiato di strozzarsi tempo fa e così avevo iniziato a dargli il mangime bagnato completamente e lasciato gonfiare per qualche minuto prima della somministrazione. La composizione del mangime è la seguente:mais fioccato, farinaccio di frumento, orzo, orzo fioccato, cruschello, erba medica disidratata, farina di estrazione di soia tostata, farina di estrazione di girasole parzialmente decorticato, fava fioccata, carrube denocciolate frammentate, derivato proteico della lavorazione della barbabietola, olio soia, carbonato di calcio, fosfato monobicalcico defluonato, cloruro di sodio, orzo germinato e fermentato...in più vitamine e composti oligoelementi....Io lo bagno ma secondo una veterinaria mangimi pelletatti così vanno dati secchi e il cavallo deve masticare! Alcune persone mi hanno consigliato di dare orzo e avena invece del mangime perchè più salutare...ma vi chiedo, orzo e avena sarebbero sufficienti come nutrimento in sostituzione del mangime? Grazie, Cristina

RispondiQuota
Postato : 05/10/2012 10:48 pm
Riccardo Mancini
(@riccardo-mancini)
Active Member

Cari lettori,
personalmente sono contrario al fatto che il fieno debba essere inumidito e vi spiego in maniera semplice il motivo. Il fieno contiene di per se circa 15% di acqua, e viene ottenuto mediante diversi metodi di essiccazione. esiste un motivo ben preciso per il quale il fieno debba essere essiccato, ovvero la formazione di muffe che rilasciano sostanze tossiche per gli animali. Inoltre il fieno e la biada, dopo essere stati bagnati si gonfiano in quanto assorbono acqua, e i cavalli corrono rischio di colica perchè possono fermentare in maniera pericolosa nell'intestino. Quindi ancora una volta a mio avviso, no al fieno e alla biada bagnati. Animali che hanno problemi respiratori, dovrebbero essere tenuti al pascolo, e quindi lontani dalle font di polvere. Ovviamente non tutti hanno un pascolo a disposizione e in quel caso si sceglie un foraggio non troppo vecchio e che quindi abbia accumulato meno polveri possibili, e lo si può leggermente bagnare ma non di certo lasciare assorbire tutta l'acqua. Per chiarimenti e dubbi: 3403124592 [email protected]

Riccardo Mancini
DVM (Dottore in Medicina Veterinaria)
Accreditato ECM

RispondiQuota
Postato : 24/11/2012 11:50 pm
galway
(@galway)
Active Member

Grazie dottore per le spiegazioni che ci ha fornito. Io in realtà sto dando da poco meno di un mese orzo schiacciato e avena bagnati e "sgocciolati"
al mio cavallo come mi ha suggerito una persona dell'ippodromo che conosco bene e che ha anni di esperienza. In realtà lui mi aveva detto che bagna solo l'avena, non l'orzo. Io li bagno entrambi da quando il mio cavallo ha rischiato una volta di strozzarsi con del mangime non completamente bagnato ma solo inumidito e da quando mi è stato raccontato di un cavallo morto perchè si è strozzato mangiando con voracità crusca secca e altri cereali asciutti.....
Lei dice che la biada bagnata può fermentare e far venire coliche.....Se però la dò asciutta ho paura per l'altro rischio!
E' difficile a volte trovare la "strada migliore" per gestire e accudire il proprio cavallo!
Sono contenta che in questi forum a volte parli gente "esperta" e con una preparazione scientifica alle spalle come lei. Mi è capitato di leggere consigli riguardo a come comportarsi con un cavallo che rischia di strozzarsi che, una volta riportati e raccontati al veterinario, si sono rivelati infondati e pericolosi...
Ad esempio è SBAGLIATISSIMO far muovere e correre un cavallo che si sta strozzando con la motivazione che così riesca ad ingoiare! Il veterinario di qua ha detto "niente di più sbagliato! Si fa diminuire l'ossigenazione al cavallo che già ha la salivazione aumentata per il problema e già a fatica riesce a respirare".......Credo che nei forum si dovrebbe far attenzione a ciò che si scrive e suggerisce!
La ringrazio e saluto...
Cristina

Cari lettori,
personalmente sono contrario al fatto che il fieno debba essere inumidito e vi spiego in maniera semplice il motivo. Il fieno contiene di per se circa 15% di acqua, e viene ottenuto mediante diversi metodi di essiccazione. esiste un motivo ben preciso per il quale il fieno debba essere essiccato, ovvero la formazione di muffe che rilasciano sostanze tossiche per gli animali. Inoltre il fieno e la biada, dopo essere stati bagnati si gonfiano in quanto assorbono acqua, e i cavalli corrono rischio di colica perchè possono fermentare in maniera pericolosa nell'intestino. Quindi ancora una volta a mio avviso, no al fieno e alla biada bagnati. Animali che hanno problemi respiratori, dovrebbero essere tenuti al pascolo, e quindi lontani dalle font di polvere. Ovviamente non tutti hanno un pascolo a disposizione e in quel caso si sceglie un foraggio non troppo vecchio e che quindi abbia accumulato meno polveri possibili, e lo si può leggermente bagnare ma non di certo lasciare assorbire tutta l'acqua. Per chiarimenti e dubbi: 3403124592 [email protected]

Riccardo Mancini
DVM (Dottore in Medicina Veterinaria)
Accreditato ECM

RispondiQuota
Postato : 25/11/2012 10:07 pm
Condividi: