La vostra Lezione G...
 
Notifiche
Cancella tutti

La vostra Lezione Giornaliera.

33 Post
8 Utenti
0 Likes
12.6 K Visualizzazioni
Alfredo Giarracuni
Post: 271
Autore della discussione
(@alfredo-giarracuni)
Reputable Member
Registrato: 12 anni fa

Sarebbe una manna poter fare un po' di allenamento in pista: quando vado a Mantova dal mio istruttore ne aprofitto per farmi qualche giro nell'anello (anche se è piccolino è sempre meglio che il campo di casa).

Montando da sola la routine è 10 minuti di passo, 3-4 giri di trotto sollevato per mano, 15 minuti di trotto battendo la sella chiedendo flessioni interne ed esterne. Alterno transizioni al passo, alt e passi indietro. Il primo galoppo è sollevato e alterno galoppi di anda per attivare il posteriore (senza chiedere flessioni o compostezza) con trotto riunito; dopo aver fatto ciò cambiando di mano 2-3 vote faccio galoppo seduto chiedendo flessioni interne su circoli più larghi a destra dove la flessione la da più facilmente e tende a chiudere all'interno e circoli più piccoli a sinistra dove è un po' più rigido.
Concludo con trotto in distensione possibilmente sollevato.

Quando faccio qualche esercizio o qualche salto non chiedo i galoppi in riunione; mi dedico al lavoro in piano dopo aver saltato che il cavallo è più volenteroso e reattivo, allora ci sta qualche tentativo di spalla in dentro e appoggiata che stiamo cercando di accennare.

Ho capito, la tua lezione basilare possiamo dire che è completa ed efficace, purtroppo io non sto montando da 2 giorni per problemi di salute 🙁

Rispondi
Post: 33
(@extra-sik)
Eminent Member
Registrato: 12 anni fa

Be dai, con questo caldo due giorni di riposo non fanno male!
Parlando di lavoro quotidiano, come spartire il lavoro in settimana?
E' indifferente o avete un metodo? (vado OT?)

Fino ad un paio di anni fa montavo tutti i giorni, poi ho partecipato ad una serata informativa con un medico sportivo che spiegava le tecniche di allenamento per il cavaliere e come applicarle al cavallo. Considerando ciò che lui ci ha spiegato sul metabolismo e sulla ripresa muscolare dopo gli sforzi ho rivisto la settimana tipo di Siki variandola.
Per esempio martedì lavoro leggero, mercoledì lavoro più ricercato, giovedì corda in doppia longia, venerdì lavoro leggero,sabato lavoro sulle barriere o esercizi, domenica percorsino, lunedì corda in capezza a naso a terra e lo lascio un po' libero.

Devo dire che da quando vario il lavoro e gli concedo più pause è più sereno e la muscolatura risponde meglio.
Un vostro parere?

Rispondi
Alfredo Giarracuni
Post: 271
Autore della discussione
(@alfredo-giarracuni)
Reputable Member
Registrato: 12 anni fa

Be dai, con questo caldo due giorni di riposo non fanno male!
Parlando di lavoro quotidiano, come spartire il lavoro in settimana?
E' indifferente o avete un metodo? (vado OT?)

Fino ad un paio di anni fa montavo tutti i giorni, poi ho partecipato ad una serata informativa con un medico sportivo che spiegava le tecniche di allenamento per il cavaliere e come applicarle al cavallo. Considerando ciò che lui ci ha spiegato sul metabolismo e sulla ripresa muscolare dopo gli sforzi ho rivisto la settimana tipo di Siki variandola.
Per esempio martedì lavoro leggero, mercoledì lavoro più ricercato, giovedì corda in doppia longia, venerdì lavoro leggero,sabato lavoro sulle barriere o esercizi, domenica percorsino, lunedì corda in capezza a naso a terra e lo lascio un po' libero.

Devo dire che da quando vario il lavoro e gli concedo più pause è più sereno e la muscolatura risponde meglio.
Un vostro parere?

Suddividi la settimana in modo equo, anche io non monto tutti i giorni i cavalli che ci sono al mio Maneggio, anche perchè sarebbe una cosa al quanto impossibile. Ad esempio quando non mi va oppure sono ammalato (come sta succedendo questa settimana) li lascio a riposo, facendoli girare un po' alla lunghina oppure lasciandoli del tutto in libertà nel campo. Mentre altre volte quando non ci sono e i miei amici non sono disposti a montare li lascio un giorno del tutto fermi.

Rispondi
Post: 27
(@angela-fulgy)
Eminent Member
Registrato: 12 anni fa

Sei già a 18 mesi li ontano i puledri nel mondo del galoppo?:eek:

Rispondi
Sei
Post: 151
 Sei
(@sei)
Estimable Member
Registrato: 12 anni fa

sì.... i purosangue sono molto precoci, si inizia al doma a circa 18 mesi (per cavalli tardivi logicamente si aspetta) e a maggio dei due anni possono debuttare in pista, a metà dei tre anni iniziano a correre contro gli anziani (dai 4 anni in su) e dai quattro anni sono già considerati "vecchi". Per le corse in siepi invece debuttano a metà dei tre anni e sono considerati "vecchi" a 5! Con il vecchio non si intende che ha finito la carriera, ma solo che sono cavalli ormai esperti. Si prediligono cavalli giovani perchè recuperano meglio gli sforzi e sono meno soggetti a problemi respiratori i articolari (sempre se allenati nel modo corretto) Un cavallo da corsa più debutta da anziano più c'è la possibilità che si faccia seriamente male.

Rispondi
Pagina 4 / 7
Condividi: